Via libera da Salvini, Matteo Bianchi scioglie la riserva: “Pronto a candidarmi sindaco di Varese”

Il nome di Bianchi diventa ufficialmente quello presentato dal partito alla coalizione e sembra dunque scontato che riceverà l’incarico anche da tutto il resto dei partiti di centrodestra

matteo bianchi

A più di un anno di distanza Matteo Bianchi torna ad essere il candidato sindaco della Lega per le elezioni amministrative di Varese. Una telefonata di confronto con Matteo Salvini, prima del suo arrivo a Gallarate previsto in giornata, sblocca lo stallo politico che negli ultimi giorni era sembrato avvitarsi su se stesso.

Il nome di Bianchi diventa ufficialmente quello presentato dal partito alla coalizione (mancherebbe solo il passaggio con la sezione cittadina di Varese) e sembra dunque scontato che riceverà l’incarico anche da tutto il resto dei partiti di centrodestra che già un anno fa si era trovati d’accordo su di lui.

“Chi da tanti anni, come me, si impegna sul territorio a servizio delle proprie comunità, non può rimanere insensibile alla sfida delle prossime elezioni amministrative a Varese – spiega lo stesso Bianchi -, capoluogo della nostra provincia e città che mi ha dato tanto sotto molti aspetti fin dall’infanzia: è giunta l’ora di mettersi in prima linea per restituire, con impegno e dedizione, quanto la città mi ha donato”.

Il deputato leghista, ex sindaco di Morazzone e membro del Comitato Europeo delle Regioni, era già candidato in pectore a gennaio dello scorso anno. Un nome sicuro con il quale la coalizione pensava di affrontare con grande anticipo la lunga campagna elettorale. Ma le cose sono andate diversamente.

Dopo un primo passo indietro è cominciato il ballo dei candidati sindaco: prima con Barbara Bison, l’ex sindaco di Gornate, che a sua volta ha dovuto cedere il passo al peso massimo schierato dal Carroccio, Roberto Maroni fino alla sua rinuncia per motivi di salute. Mirko Reto, Marco Pinti, Mauro della Porta Raffo, Giorgio Merletti sono poi solo alcuni dei nomi che si sono visti sfilare sul tavolo delle trattative tra i partiti fino il ritorno al punto di partenza: Matteo Bianchi.

«Mi hanno chiamato tutti, mancava solo la telefonata di Mattarella», raccontava scherzosamente in questi il giorni il deputato di Morazzone a chi gli chiedeva come stesse andando dopo che il suo nome era tornato a girare. Ora l’ultimo incontro ha sbloccato la situazione.

Le garanzie di Bianchi e il pallottoliere del voto al Quirinale

Quali garanzie avrà ottenuto il neo candidato in pectore per accettare la sfida elettorale possiamo solo immaginarlo. Di sicuro, come la prima volta, avrà chiesto al leader della Lega di poter avere le mani sufficientemente libere nella scelta del suo staff ed eventualmente della sua Giunta. Ed è lui stesso a confermarlo nel suo post su Facebook: “È per me importante creare una squadra che travalichi i paletti della coalizione e si rivolga alle persone più rappresentative ed autorevoli della comunità varesina, per garantire alla nostra città una “Giunta dei migliori”, per elevarsi davvero a ruolo di capoluogo e per guardare all’Europa come elemento di opportunità e di sviluppo – scrive Bianchi -. A queste condizioni, con la garanzia che il mio impegno è parte di una squadra per cui tutti si assumono le responsabilità del risultato, metto la mia disponibilità nelle mani della sezione locale del mio partito e del resto del centrodestra varesino”.

C’è poi l’incarico internazionale che Bianchi ha coltivato con impegno e passione in questi anni al Comitato europeo delle regioni a Bruxelles. Le regole sull’incompatibilità impongono che con la sua candidatura il deputato debba rinunciare al suo ruolo da consigliere comunale a Morazzone, incarico che tuttora ricopriva e che gli permetteva di proseguire l’impegno nelle istituzioni europee. È probabile che Bianchi abbia chiesto di poter continuare a coltivare il suo impegno politico sul fronte internazionale, che per altro lo aveva portato anche alla Nato e ad ottenere diversi incarichi parlamentari in ambito di politica Ue.

La candidatura di Bianchi si muove però anche sul filo delle incompatibilità, in bilico tra i massimi equilibri politici a livello nazionale. In caso di vittoria, infatti, il deputato sarebbe costretto a lasciare il Parlamento e a quel punto, per un complesso gioco di tempistiche e di pallottoliere, la Lega correrebbe il forte rischio di vedersi privata di un voto preziosissimo nella delicata partita per l’elezione del prossimo Presidente della Repubblica. Per sostituire Bianchi, eletto nel collegio uninominale di Gallarate, sarebbero necessarie delle elezioni suppletive, con tempi troppo lunghi rispetto alla partita che si giocherà in Parlamento all’inizio del prossimo anno.

Una campagna elettorale nel segno del rispetto reciproco

Annunciando la sua candidatura Bianchi ha anche promesso una campagna elettorale nel segno del rispetto reciproco: “Conoscendo le responsabilità e la complessità del ruolo del Sindaco, da parte mia non ci sarà mai nessun affronto personale nei confronti di Davide Galimberti, che è persona che stimo umanamente – ha chiosato Bianchi -. Tuttavia, abbiamo visioni politiche differenti e valori che ci pongono su fronti opposti. È mia intenzione discutere, proporre e dibattere sugli argomenti e non sulle persone”.

Tomaso Bassani
tomaso.bassani@varesenews.it

Mi piace pensare VareseNews contribuisca ad unire i puntini di quello straordinario racconto collettivo che è la vita della nostra comunità. Se vuoi sentirti parte di tutto questo sostienici.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giampaolo Martinelli
    Scritto da Giampaolo Martinelli

    Non conosco questo signore, se non per quanto si legge in rete, Però mi domando: E’ mai possibile che la Lega per trovare un nome accettabile debba sempre scomodare qualcuno da fuori, questa volta un consigliere comunale di Morazzone, che si gioca anche i carico da deputato. Cosa mai potrebbe offrire a Varese un parvenu da Morazzone? Che c’azzecca? direbbe Di Pietro. Che storia e conoscenza ha?… Per fortuna a Varese di persone capaci e per bene, a partire dal sindaco uscente che ben conosce la città con i suoi problemi e che deve continuare il programma di innovazione iniziato cinque anni fa, ne abbiamo.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.