Abusi su minori, don Emanuele Tempesta verrà interrogato lunedì

Il prete accusato di aver molestato bambini d'età compresa fra i 7 e gli 11 anni. Incidente probatorio con le vittime

parcheggio multipiano tribunale busto arsizio

L’interrogatorio di fronte al giudice per le indagini preliminari di Busto Arsizio del prete di Busto Garolfo arrestato nei giorni scorsi è stato fissato lunedì prossimo, 19 luglio. Lo riporta l’Ansa.

Emanuele Tempesta, sacerdote della Diocesi di Milano, si trova ora agli arresti domiciliari.

L’uomo, 29 anni, è accusato di abusi sessuali su minori per episodi che vanno secondo le accuse dal febbraio 2020 al maggio 2021.

Le persone offese sono in tutto sette: bimbi dell’età dai 7 agli 11 anni che gravitavano attorno all’oratorio della cittadina a Nord Ovest di Milano, ai confini col Varesotto.

I bimbi sarebbero stati vittime di violenza sessuale da parte del sacerdote arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Milano a Busto Garolfo.

Nei prossimi giorni il pm di Busto Arsizio Flavia Salvatore ascolterà i minori (già sentiti in audizione protetta) con la formula dell’incidente probatorio.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Luglio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.