Periferico e Karakorum ancora insieme per la nuova stagione di “Latitudini”

Nonostante le difficoltà che hanno travolto la produzione teatrale negli ultimi due anni, Karakorum e Teatro Periferico hanno deciso di proseguire, cercando anche nuovi metodi per fare teatro.

Karakorum

«Quest’anno non è scontato. Abbiamo deciso di non mollare, proseguire e metterci alla ricerca di nuove modalità per fare teatro. Ed è per noi anche un segnale politico, di unità, ricerca di un progetto che possa guardare al di là dei prossimi tre mesi». Ha aperto così Stefano Beghi, direttore artistico e progettuale di Karakorum Teatro, la conferenza stampa di questa mattina, mercoledì 29 settembre, di “Latitudini”, la stagione teatrale frutto dell’unione delle due realtà del Teatro Periferico di Cassano Valcuvia e Karakorum Teatro di Varese.

«Attualmente la nostra è l’unica stagione teatrale presentata a Varese – prosegue Beghi – e questo per me è un elemento cardine: siamo un piccolo spazio che cerca di tenere viva l’arte performativa. E lo facciamo coinvolgendo artisti della città, che cercano progetti che guardino avanti, al futuro, nonostante le difficoltà che il mondo del teatro vive in questo delicato periodo storico».

Nuova stagione e nuove idee, che non vedranno protagoniste solo rappresentazioni teatrali: in piazza Fulvio De Salvo, nel quartiere delle Bustecche, nella Residenza Artistica dello Spazio Yak, queste due compagnie realizzeranno “En plein air”, un progetto innovativo che porterà alla creazione di un piccolo centro di ricerca. Verranno organizzati incontri durante i quali gruppi di artisti, in collaborazione con altre associazioni, andranno alla ricerca di una nuova progettualità e sinergie per riscoprire il ruolo della cultura all’interno dei processi di sviluppo del territorio, allargando così la sinergia tra Teatro Periferico e Karakorum Teatro ad altri enti.

«Questo progetto riguarda otto realtà residenziali e artistiche sparse sul territorio lombardo, che partono da Brescia e arrivano fino al confine, verso la Svizzera. La vocazione è quella di ragionare con le persone che fanno parte dei nostri territori, i così detti portatori di interessi diffusi, i cittadini che vivono i nostri luoghi- ha affermato Nicolas Ceruti, presidente associazione ETRE -. Abbiamo l’ambizione, da una parte di vederci diversamente collegati con le persone che stanno intorno a noi, cercando di consolidare quei processi e progetti messi sul campo nei diversi anni, e dall’altra parte vogliamo far incontrare delle arti differenti, affini e contigue, facendo in modo che si rompano le barriere auto-referenziali in cui sono calate queste arti».

Il programma degli spettacoli, invece, per il momento, è stato stabilito fino al periodo di Natale, a causa delle incertezze date dalla situazione pandemica. Ecco il programma:

Il 9 ottobre, alle 19:30 e alle 21, al Teatro Comunale di Cassano Valcuvia, Qui e Ora Residenza Teatrale, compagnia milanese, porterà in scena “Saga Salsa Noir”: un giallo teatrale, sequel di un altro spettacolo messo in scena precedentemente, “Saga Salsa”, che gira attorno alle vicende di un ristorante a gestione familiare e della salsa di pomodoro.

Il 16 ottobre, alle 19 e alle 21, in Piazza San Vittore, Compagnia Kepler 452 presenterà “LAPSUS URBANO – Il primo giorno possibile”.

Il 21 ottobre alle 21, Spazio Yak ospiterà la presentazione del lavoro ricavato dal bando “Residenze Artistiche 2021”, CITTA’ (IN)VISIBILI.

Sempre nello spazio Yak il 23 ottobre alle 18 e alle 21, andrà in scena “Victor e Frankenstein”, uno spettacolo tratto dal romanzo “Frankenstein” di Mary Shelley, Produzione Oderstrasse, Centro Asteria (Residenze Nuovi Sguardi).

Nella particolare e rustica location dell’azienda agricola Il Vallone di Cuveglio, il 24 ottobre alle 16, nel quindicesimo anniversario di Tournée, andrà in scena lo spettacolo Orti Insorti, spettacolo per famiglie con merenda contadina, organizzato dall’associazione Creature Creative.

Il 6 novembre alle 18 e alle 21 allo Spazio Yak la Compagnia Altre Tracce porterà sul palco lo spettacolo “Storia di Nina”.

Il 12 e 13 novembre alle 21 e il 14 novembre alle 17, il Teatro Comunale di Cassano Valcuvia ospiterà “I cassetti non parlano”, una produzione del Teatro Periferico che sarebbe dovuta debuttare due anni fa, ma che a causa della pandemia ha dovuto attendere il 2021.

Il 20 novembre alle 18 e alle 21 nello Spazio Yak, la compagnia teatrale Circacinque presenterà il lavoro del bando “Residenze Artistiche 2021, ALTROMARE” e a seguire andrà in scena lo spettacolo “Un’altra notte”.

Il 27 novembre alle 21 al Teatro Comunale di Cassano Valcuvia avrà luogo lo spettacolo “La terra trema, la volontà no”, una produzione Chronos3.

Il 4 dicembre alle 18 e alle 21 nello Spazio Yak, Karakorum Teatro presenterà uno spettacolo di sua produzione: “Arturo Ferrarin, storia di un viaggio”.

L’11 dicembre alle 21 Altre Tracce metterà in scena sul palco del Teatro Comunale di Cassano Valcuvia lo spettacolo “Parole, Parole, Parole”, spettacolo finalista al concorso nazionale “In-Box Verde 2018”.

Nel programma teatrale di quest’anno sono previsti anche due spettacoli speciali: il 31 ottobre verrà messo in scena lo spettacolo di Halloween organizzato in collaborazione con i ragazzi del laboratorio InstaYak; il 19 dicembre, invece, sarà presentato lo spettacolo natalizio per bambini e famiglie organizzato in collaborazione con i bambini dei laboratori “C’era una volta uno Yak” e “TesseArnie”.

Per entrare agli spettacoli sarà necessario essere in possesso di Green Pass e le prenotazioni sono obbligatorie.

Per il Teatro Comunale di Cassano Valcuvia si possono effettuare telefonando ai numeri 3341185848, 3470154861 o inviando una email all’indirizzo info@teatroperiferico.it; per SpazioYak bisogna prenotare scrivendo una mail a info@karakorumteatro.it o sul sito karakorumteatro.it

francescamarutti3@gmail.com
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.