A Sondrio tornano i “Formaggi in Piazza”

Sabato 2 e domenica 3 ottobre un nuovo appuntamento con l'evento dedicato alle piccole produzioni artigianali a latte crudo che prendono "forma" sui monti della Valtellina

gerry varie

A Sondrio, nella centralissima Piazza Garibaldi, torna sabato 2 e domenica 3 ottobre il tradizionale appuntamento “Formaggi in Piazza”, dedicato alle piccole produzioni artigianali a latte crudo che prendono “forma” sui monti della Valtellina.

Ad accogliere i turisti, non solo la classica “Combinada”, la gara di bontà tra i formaggi d’alpe, e l’immancabile mercato dei produttori, ma anche, come già dalla scorsa edizione, molte altre interessanti iniziative. Adulti e bambini potranno ad esempio cimentarsi nei laboratori per imparare i segreti dei formaggi d’alpeggio e scoprire nuovi sapori nelle degustazioni a tema, o anche passeggiare nel piccolo mercato medievale insieme a dame e cortigiani. L’appuntamento si arricchisce sempre più, per conquistare non soltanto la platea di amanti dell’arte casearia e delle tipicità “Made in Valtellina”, ma anche un pubblico interessato all’arte e alla cultura, che verrà coinvolto grazie a inediti percorsi guidati dentro la storia e le tradizioni della bella Sondrio, un gioiello incastonato tra storici terrazzamenti.

Durante la manifestazione, infatti, si svolgerà anche “La via dei Palazzi” che quest’anno sarà caratterizzata da un percorso di “tele d’artista” in cui giovani artisti, oltre a dare esempio concreto delle proprie tecniche creative, racconteranno per immagini la Sondrio di una volta, di cui il nucleo urbano conserva ancora meravigliose testimonianze architettoniche. Prima dell’Ottocento Sondrio era racchiusa entro il tracciato delle mura trecentesche, fatto salvo il quartiere Cantone sulla sponda destra del Mallero, e vi si accedeva da quattro porte. Le due porte principali (a est e a ovest) segnavano gli ingressi lungo la direttrice dell’antica via Valeriana, lungo la quale si trovavano le dimore signorili di più antica fondazione, appartenenti alle famiglie nobili della città. Il tracciato si snoda da Piazzetta Carbonera lungo Via Romegialli, Piazza Cavour, Via Longoni, Piazzetta Angelo Custode e via Angelo Custode, Via Lavizzari, Piazza Quadrivio, via del Gesù. La Piazzetta Angelo Custode era cuore del vecchio borgo: qui nel Medioevo si tenevano i consigli generali dei nobili, dei cittadini e dei vicini di Sondrio. La via Valeriana terminava poi il suo tratto urbano in Piazza Quadrivio (porta Quadrobio), che rappresentava una delle piazze più significative della città, poiché costituiva il punto di cerniera tra il borgo rurale (Scarpatetti), le botteghe artigiane e le dimore nobiliari. La cosiddetta “Via dei Palazzi”, appunto, che da Carbonera giunge fino a Piazza Quadrivio, e che presenta un’interessante unitarietà architettonica grazie all’impiego di tipologie consolidate nei secoli: facciate con mura intonacate a calce, portali, davanzali, stipiti e architravi in pietra, tetti in ardesia. Sulla via affacciano i più importanti palazzi nobiliari sondriesi tra i quali anche il cinquecentesco Palazzetto Carbonera, il Palazzo Sertoli Salis e il seicentesco Palazzo Sassi Lavizzari che accoglie il MVSA, Museo di Storia e Arte, centro dell’offerta culturale della città, e che per l’occasione accoglierà i visitatori a suon di musica. Nel weekend sarà possibile anche visitare la Mostra “Poetica degli affetti.

Pittura italiana tra Ottocento e Novecento”, che sarà in esposizione al MVSA fino a metà novembre. Durante il fine settimana, nelle antiche vie di Sondrio si respirerà un’atmosfera da fiaba, grazie agli artisti di strada e ai maestri di mimo e giocoleria, alle dame e ai cortigiani.. Tra le novità più interessanti di questa edizione, sabato pomeriggio anche “Sondrio città in trappola”, il live game a squadre che tocca i capoluoghi lombardi per far vivere al pubblico un modo completamente nuovo di scoprire le città, un’esperienza unica e coinvolgente grazie alle tecnologie digitali e alle performance teatrali. Solo su iscrizione!

Oltre al live game, anche veri e propri TREKKING URBANI che termineranno con degustazioni di prodotti tipici nelle sale dello splendido CAST che domina l’abitato di Sondrio. Lí, nelle ampie sale di Castel Masegra, è ospitato il MUSEO DELLA MONTAGNA, che vale senz’altro una visita, perché raccoglie un patrimonio immateriale, quelle storie eroiche di uomini e di imprese che hanno affrontato la sfida con la montagna e la natura selvaggia, qui rievocate attraverso videoproiezioni, schermi touch e dispositivi interattivi che portano dentro al museo il mondo esterno, eliminando idealmente il confine tra la città e la natura che, alle sue spalle, si fa Alpi… Saranno prenotabili anche, per chi alle camminate preferisca le due ruote, BIKE TOUR lungo la via dei Terrazzamenti, Patrimonio dell’Unesco, un percorso magico tra i vigneti, per scoprire dove matura il Nebbiolo, qui detto uva Chiavennasca, che si ritrova poi nei grandi Rossi di Valtellina: Inferno, Sassella, Grumello, Sforzato…

Il mercato con gli stand dei produttori di formaggi a latte crudo e quelli delle “Erbe alpine” in collaborazione con la vicina Svizzera, resteranno aperti al pubblico Sabato 2 Ottobre (dalle ore 9 alle 19) e Domenica 3 Ottobre (dalle ore 9 alle 18) in Piazza Garibaldi dove, durante la serata del sabato, si terranno anche eventi d’intrattenimento musicale. L’accesso alle visite guidate nei palazzi e nelle corti, così come anche ad alcuni eventi collaterali, richiederà, oltre al greenpass, anche la prenotazione, a causa della disponibilità limitata dei posti.

PER INFO E PRENOTAZIONI: Infopoint: tel. 0342526299 _ E-mail: turismo@comune.sondrio.it

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.