È tregua con l’Agenzia delle entrate. Continuano a diminuire i ricorsi

Nel terzo trimestre ancora in calo pendenze e ricorsi. Nelle commissioni tributarie provinciali la quota di giudizi favorevoli all’ente impositore si è attestata al 52% per un importo di oltre un miliardo di euro

agenzia entrate prima

Se al 30 giugno per la prima volta le controversie tributarie scendevano sotto quota 300mila (una diminuzione risulta pari al 16,62% rispetto allo stesso periodo del 2020), al 30 settembre si attestano a quota 287 mila unità (-22% su base annua). Continua dunque la graduale riduzione delle pendenze, con i ricorsi che nel terzo trimestre registrano un calo tendenziale del 35%, mentre le definizioni sono aumentate del 24%. Il 44% delle sentenze è stato depositato utilizzando la modalità telematica e il 32% delle udienze si è svolto in videoconferenza.

Confrontando il numero delle nuove controversie instaurate in entrambi i gradi di giudizio nel terzo trimestre 2021, che sono pari a 24.997, con quelle dell’analogo periodo del 2020 il calo è del 35,27%. Di contro aumentano le controversie definite, pari a 34.924, che registrano un aumento tendenziale del 24,21%. Alla data del 30 settembre 2021, si consolida, quindi, il calo delle controversie pendenti, che si attestano a 287.439 fascicoli: la diminuzione risulta del 16,80% rispetto all’inizio dell’anno e del 21,69% rispetto al 30 settembre 2020.

LE COMMISSIONI TRIBUTARIE PROVINCIALI

In dettaglio, i ricorsi presentati presso le Commissioni tributarie provinciali (CTP) sono stati pari a 16.192, in diminuzione del 44,87%; le definizioni, pari a 24.094, hanno registrato un aumento del 18,63%. Nelle Commissioni tributarie regionali (CTR), gli appelli pervenuti nel medesimo periodo, pari a 8.805, sono risultati in diminuzione del 4,78%; le definizioni, pari a 10.830 provvedimenti, sono aumentate del 38,72%. Nelle CTP la quota di giudizi completamente favorevoli all’Ente impositore si è attestata a oltre il 52%, per un valore complessivo di 1.096,50 milioni di euro, mentre quella dei giudizi completamente favorevoli al contribuente è stata del 26%, per un valore di 249,03 milioni.

GIUDIZI INTERMEDI

La percentuale delle controversie concluse con giudizi intermedi è stata dell’11%, per un valore complessivo di 252,97 milioni di euro. Nelle CTR la quota di giudizi completamente favorevoli all’Ente impositore è stata di poco inferiore al 50%, per un valore complessivo di 926,88 milioni di euro, mentre quella dei giudizi completamente positivi nei confronti del contribuente è stata di circa il 29%, per un valore complessivo di 389,72 milioni di euro. Le controversie concluse con giudizi intermedi rappresentano circa l’8%, per un valore complessivo di 275,65 milioni di euro. Circa il 32% delle controversie totali sono state discusse con strumenti di videoconferenza. Nelle sei regioni in cui è stato attivato il nuovo sistema informatico di deposito del provvedimento giurisdizionale digitale, il 44% dei provvedimenti definitori pubblicati è stato redatto e depositato utilizzando il servizio telematico.

Si litiga meno con l’Agenzia delle entrate. In calo le controversie tributarie (-17%)

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 20 Dicembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.