Alessandro Mandi

  • Vive a Inarzo VA

I miei commenti (2)

  1. Egr. scd, l’impegno profuso per creare sicurezza a volte può essere criticato ma è necessario in quanto è l’unico modo per contenere il problema. La invito in Via San Francesco a Inarzo (SP53) per vedere con i suoi occhi quanto accade. Le auto passano a 80-100km/h (con limite 30km/h, presenza strisce pedonali e velox). I cittadini stanno documentando la situazione con video che mostrano quanta incoscienza c’è alla guida di un’auto. Lei cosa farebbe? Mi piacerebbe conoscere il suo parere.

    in “I fatti di oggi in via XXV Aprile devono risvegliare le coscienze di chi guida un’auto”

    10 gennaio 2019 alle 14:12
  2. Capisco il disappunto per l’ingente spesa ma, forse, l’intervento si configura nell’ambito di disciplinare quegli automobilisti (tanti, troppi) che percorrono queste strade noncuranti dei limiti di velocità e del pericolo al quale espongono se stessi e i cittadini. Passo spesso da Bernate e non è raro incrociare altri veicoli che entrano nella strettoia (il cui accesso ora è regolato dai semafori) senza rallentare. Abito ad Inarzo e tutti i giorni vedo autoveicoli sfrecciare a 80 o 100km/h su strade con limite di velocità di 30km/h. Anche l’Amministrazione di Inarzo fatica a trovare soluzioni. Le situazioni sono analoghe. Sarebbe utile che le Amministrazioni parlassero tra loro per condividere delle soluzioni. Alessandro Mandi

    in In coda al semaforo nella “metropoli” di Bernate

    1 marzo 2018 alle 17:32

Foto dei lettori (0)

Notizie (0)

Lettere (0)

Auguri (0)

Viaggi (0)

Nascite (0)

Matrimoni (0)