Le donne protagoniste in biblioteca

Domani, giovedì 16 marzo, alle 21, Alice Werblowsky e Carla Chelo presentano il libro “Siamo Così”, 24 storie di donne, raccolte in tutta Italia, una per ogni ora del giorno

Ventiquattro storie di donne, una per ogni ora del giorno, scandiscono ventiquattro modi diversi di affrontare le sfide della vita: l’amore, il lavoro, i figli, la malattia, la politica, il sesso. Alice Werblowsky e Carla Chelo, giornaliste che oggi collaborano con le testate dei tg Mediaset, sono le autrici che con il loro libro “Siamo Così” (edizioni Tea) inaugureranno giovedì 16 marzo alle 21, nella nuova biblioteca di Tradate, il ciclo di incontri “Letteratura e donna”. Modererà l’incontro Marta Campiotti.

Prosegue così, dopo lo straordinario successo di dell’incontro con Fabio Volo, la rassegna “In biblioteca con l’autore”.
Le storie sono state raccolte da Nord a Sud della penisola: storie di donne che hanno rifiutato di percorrere una strada tracciata da altri; storie che sembrano avere poco in comune ma che spontaneamente disvelano un’Italia oscurata dai mass media, con i suoi problemi, le sue fissazioni, le ingiustizie e le dimenticanze, ma anche con le sue straordinarie ma invisibili risorse.
Una testimonianza sulla condizione femminile che merita attenzione, l’immagine di un futuro diverso.

“Dal nord al sud, donne anziani o giovani, sposate o sole, sofisticate o semplici, ci hanno raccontato la loro vita, la loro ricetta per sopravvivere, la passione attorno alla quale ruota il loro equilibrio, la scoperta che poteva esserci un modo nuovo, tutto da inventare, per affrontare la vita – raccontano le autrici – Non è un’indagine statistica, e neppure un’inchiesta, ma l’impressione è che le donne che abbiamo ascoltato abbiamo saputo inseguire i loro desideri con molta tenacia e determinazione. Abbiano, in genere, goduto di una libertà di scelta semplicemente impensabile per le loro madri, pagandola però un prezzo altissimo. E’ l’aria che tira in questo momento a non essere salubre per chi tenta una scelta non conformista. E le ragazze di questo libro, o perché innamorate, o perché inquiete, o perché gli è capitato, sono tutte un po’ ribelli, un po’ fuori dai binari. E’ un ritratto intimo, ma più moderno e civile di quello che ogni giorno riportano giornali e TV. Un pezzo di paese tenace, ma quasi invisibile, perché del tutto dimenticato dai mass media, che meriterebbe più attenzione e sostegno. Forse, basterebbe cominciare ad ascoltarlo”.

Alice Werblowsky è nata a Madrid ed è cresciuta in Spagna, Francia e Italia. A diciotto anni si è trasferita a San Francisco a studiare televisione e comunicazione di massa. Tornata in Europa ha lavorato con The Associated Press e con la trasmissione TV della CBS “60 minutes”. Da quattordici anni lavora a Mediaset, per la quale ha realizzato speciali e lavorato per tre telegiornali. Oggi è a Canale 5. E’ sposata e ha due figlie.

Carla Chelo è nata a Roma, ha trascorso l’infanzia a Madrid e ora vive a Milano. E’ appassionata di bambini, Sud e gialli. Per vent’anni ha scritto prevalentemente di cronaca nera, mafia e giustizia, prima per l’Unità poi per Diario. Da quattro anni lavora a “Studio Aperto”, il telegiornale di Italia Uno. E’ sposata e ha due figli.
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.