Intorno alle origini del Sacro Monte, al via un ricco calendario di manifestazioni

Riparte il programma delle manifestazioni per il Quarto Centenario del Sacro Monte che si svolgeranno tra giugno e dicembre

Un ricco e qualificato programma di manifestazioni: migliaia di persone coinvolte, incontri, conferenze, teatro, concerti e momenti di spiritualità. Ecco, al secondo anno, l’articolata programmazione ideata nel progetto triennale nel segno del Quarto centenario del Sacro Monte sopra Varese.

Un filo strategico che dal 2004 intende di promuovere il territorio varesino attraverso la celebrazione delle sue eccellenze storiche e artistiche; così il Sacro Monte di Varese diventa il protagonista assoluto di un nutrito calendario di eventi, volto a consolidare la conoscenza di questo straordinario luogo, iscritto dall’ UNESCO nell’eletta schiera dei  beni "Patrimonio mondiale dell’umanità”.

Il programma è organizzato e promosso anche per il 2006 dalla “Fondazione Paolo VI per il Sacro Monte di Varese” con il sostegno di Regione Lombardia, Provincia di Varese, Comune di Varese e con la collaborazione del Parco Regionale Campo dei Fiori.

Gli eventi che si articoleranno tra giugno e dicembre sono in parte volti alla riscoperta del Monte Sacro, prima della costruzione della Via delle Cappelle, quale esperienza spirituale capace di preparare e accogliere nel 1604 il grande progetto del Bernascone.

“I titoli delle pietre: devozione della storia. Intorno alle origini del Sacro Monte”

è il titolo di un ciclo di manifestazioni articolato tra convegni e mostre.

A luglio nel segno di Ambrogio: il territorio di Cesare, lo spazio di Dio si terranno presso il Museo Baroffio due conferenze legate alla figura del Santo, con l’intervento di studiosi specialisti, storici e umanisti e con la partecipazione straordinaria, in videoconferenza, delle Suore Romite del Monastero.

Nel Santuario avrà luogo una piece teatrale commentata con il canto ambrosiano delle Romite sempre con tema Ambrogio.

A settembre l’approfondimento sulle origini si dedicherà ai Manufatti di Domenico e Lanfranco: le sculture al Baroffio e altri segni nel territorio a cura di storici e critici d’arte esperti della scultura e dei reperti lapidei con articolate conversazioni capaci di evidenziare le antiche testimonianze romaniche del Santuario. Una mostra realizzata nelle “viscere” del vicolo che collega la Via Sacra al Museo Baroffio presenterà in sequenza critica e storica  i manufatti di Lanfranco e Domenico maestri scultori che hanno operato al Sacro Monte e sul territorio varesino. Questo itinerario espositivo si conclude nel Museo Baroffio con una mostra di lettura fotografica del capolavoro di Lanfranco la “Madonna della cintura” e la sua probabile collocazione all’entrata del Santuario.

 

Tra settembre e ottobre l’evento La pietra ed il colore, contrappunti del sacro: la cripta, fondamenta del Santuario sarà volto alla scoperta della cripta, luogo di preghiera e di raccoglimento oggi inaccessibile. Grazie ad una mostra fotografica sarà riscoperto emozionalmente e didatticamente il ciclo di antichi affreschi e il suggestivo ambiente. Una conferenza ne approfondirà la storia stimolando così l’attenzione alle ragioni del suo restauro.

A seguito della partecipata adesione del pubblico e il coinvolgimento degli eventi teatrali del 2005, anche quest’anno si svolgeranno nella magia delle serate estive delle rappresentazioni teatrali dal titolo: il racconto del silenzio. 

Continua, inoltre, ad essere coinvolto il territorio con il programma di incontri di teatro e musica “I Materiali del Sacro”  ad Azzio, Orino e Brenta (giugno) ed il ciclo di concerti di musica Barocca (agosto) presso il Santuario del Sacro Monte, con esecutori di prestigio e chiara fama dell’Orchestra della Svizzera Italiana e dell’Associazione “Armonia”.

Per un approccio “interdisciplinare” al Monte saranno organizzati nei mesi estivi di luglio e settembre un ciclo di incontri promossi dal Parco Regionale Campo dei Fiori, teso a far scoprire e ammirare le essenze vegetali e gli animali che popolano il Sacro Monte.

Visite “animate” saranno condotte dagli alunni del “Liceo Classico Sacro Monte” per leggere la Via Sacra con meraviglia contemporanea: la visita non si svolgerà in modo tradizionale con la guida (peraltro in azione in giugno e luglio a cura del Comune di Varese) ma con la compagnia dei “ragazzi attori e provocatori” di curiosità culturale nonché relatori in testi coinvolgenti.

Il “contemporaneo” verrà anche proposto, nel mese di giugno, grazie alle nuove acquisizioni del Museo Baroffio in un ciclo di conferenze dal titolo “Oggi in Museo”.

Nelle serate di ottobre avrà seguito il ciclo “I Vespri in musica” a cura dell’Associazione Amici del Sacro Monte mentre in novembre, con la collaborazione dei ristoranti della provincia di Varese, torna “Il rito della mensa” secondo i sapori del Seicento.

Grande ed importante novità di quest’anno l’iniziativa “Adotta un ciottolo” grazie alla quale sarà possibile adottare una pietra del selciato della Via Sacra affidandogli un ricordo, una speranza, una preghiera o un desiderio, il cui ricavato sarà destinato alla sistemazione e manutenzione della salita.

 

Il programma e le date definitive saranno comunicate a breve e pubblicate sul sito www.400.sacromontevarese.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.