Troppi furti, le forze dell’ordine non ci lascino soli

Alcuni lettori segnalano un aumento di furti nelle zone attorno alla Schiranna, luogo in cui il due aprile è avvenuto l'ultima rapina

Leggo l’articolo in oggetto e resto francamente stupito da quanto affermato dal capo delle volanti, il dottor Dalfino.

Risiedo in via Alberti, una traversa di via Gasparotto vicino alla chiesetta di Loreto.
Ho subito un’effrazione una notte di febbraio. In casa eravamo presenti io e mia moglie, nonché le nostre due figlie, di 3 e 5 anni. Fortunatamente tutti dormivamo ed i malviventi si sono accontentati di 300€ in contanti che casualmente (ma proprio casualmente) avevo nel portafoglio, sulla credenza di fronte alla porta di ingresso. Mi chiedo se non avessero trovato nulla cosa sarebbe successo. I ladri, peraltro, tentavano di entrare anche in due abitazioni nella stessa via, ma desistevano disturbati da un impianto di allarme.

Consideri che è la seconda effrazione che subiamo nel giro di 5 anni (più due tentativi evidenti, ma falliti). Ho sporto denuncia alla stazione dei Carabinieri di Varese per l’accaduto chiedendo anche che, ogni tanto, si inserisse nel giro delle pattuglie notturne anche la nostra via.
Lo sa cosa mi venne risposto dal comandante? Che a Varese, la notte, sono a disposizione esclusivamente due pattuglie, una della polizia ed una dei carabinieri. Sì, ha capito bene: due pattuglie per tutta Varese.
Ma non ci si prenda in giro!

"Varese e dintorni sono sotto stretto controllo e le pattuglie delle Volanti lo controllano ventiquattro ore su ventiquattro". Certo! Ci vogliono almeno ventiquattro ore affinché una pattuglia della polizia controlli tutta Varese!
Grazie, e mi scusi per lo sfogo.

Andrea Azzimonti – Varese

=============================

Gentile Direttore,

Le scrivo per unirmi al coro degli abitanti della zona di Cartabbia-Capolago-Daverio.
Abito nel Comune di Mornago e da qualche tempo, sento racconti di colleghi e vicini di casa che denunciano furti e danni alle proprie abitazioni.
La paura è tanta…Nel rincasare la sera tardi MA anche di giorno.
Poco tempo fa, una banda di ladri è penetrata in un’ abitazione di una frazione, facendo saltare in aria la cassaforte, IN PIENO GIORNO!!
Le rapine ci sono sempre state e sempre ci saranno (Purtroppo)!!!
Spero solo che i nostri "angeli custodi", lavorino bene per noi come da sempre sanno fare!!

==============================

Leggendo le lettere che pubblicate, scopro che l’elenco dei furti avvenuti negli ultimi giorni coinvolge una zona ampia, Cartabbia, Capolago, Schiranna. Io abito a Cartabbia nella parte alta, lungo la via Gasparotto e proprio pochi giorni fa due miei colleghi che abitano vicino a me sono stati vittime di ladri, durante la notte e mentre dormivano, probabilmente addormentati da bombolette.
A questo punto la situazione credo che non sia proprio occasionale… stanno ripulendo la zona a tappeto! E non cambia nulla, i furti continuano. In questi giorni, tengo la casa barricata, luci accese ed antifurto attivo anche quando siamo in casa. Qualche timore quando si rientra tardi la sera però resta. Lancio una provocazione, non voglio accusare senza prove, ma la presenza del Luna Park e viste le zone colpite, qualche dubbio me lo mette… mi auguro che le autorità competenti mettano fine a questa situazione e si attivino per portare sicurezza ai cittadini.
Invito tutti a fare un po’ più di attenzione alle proprie abitazioni, qualche precauzione in più può magari servire… si spera!

Lettera firmata

================================================

Egregio Direttore,
mi unisco alla voce degli abitanti di CAPOLAGO, denunciando che anche a DAVERIO, nelle scorse settimane, vi sono stati tentativi di rapine, alcuni riusciti. Io abito nella zona del centro storico, e ho subito un tentativo di effrazione in casa mia, la stessa cosa è successa alla mia vicina ed a numerose altre persone. Personalmente ho fatto denuncia ai Carabinieri di Azzate e poi ho saputo che settimana scorsa sono entrati in una villa nelle vicinanze.
Consiglio a tutti di denunciare comunque il fatto alle forze dell’ordine, che è l’unico modo per ottenere più vigilanza.
Grazie e cordiali saluti.

Giorgio L. – Daverio

=================================

Egregio direttore,

Siamo stupiti nel vedere che le testate giornalistiche locali mettano in secondo piano un fatto grave come la rapina in villa dello scorso due aprile in Via Tallera.
Siamo altrettanto stupiti che i giornali parlino di questo problema soltanto dopo che una coppia di anziani è stata aggredita nella propria casa, ma sono ormai parecchie settimane che si verificano furti in numerose abitazioni nella zona compresa tra Cartabbia-Capolago-Schiranna, ma nessuno ne parla!
Cinque abitazioni sono state "visitate" da questa banda di slavi solo tra la via Tasso e la Via del Gaggio.
Ci sentiamo abbandonati dalle forze dell’ordine che non pattugliano MAI la nostra zona (soprattutto nelle ore notturne) e che a quanto dice qualcuno di loro "non possono farci niente perchè tanto poi escono subito di galera". Se è cosi che stanno le cose siamo costretti a farci giustizia da soli…

Un gruppo di abitanti di Capolago e Cartabbia

===================================

Gentile Direttore

anche ad Induno Olona la situazione furti non è certo migliore che a Capolago o alla Schiranna. Non passa giorno senza che qualche abitazione non venga visitata dai soliti noti alla ricerca dei beni delle persone perbene. Io stesso sono stato "visitato" dopo un mese dal mio insediamento nella nuova abitazione, i miei genitori hanno subito un tentativo di effrazione notturno mentre dormivano.
La cosa che mi preoccupa di più è che questi avvenimenti hanno cambiato il nostro stile di vita: ma le pare normale che un cittadino si debba barricare in casa di notte, che debba attivare un antifurto prima di andare a letto, che tremi al solo pensiero di lasciare una finestra aperta d’estate?
 
Cordialmente
 
Paolo
=================================== 

Egregio Direttore,

mi permeto di scriverLe queste poche righe per cercare di fornire un modesto contributo al dibattito riguardante la sicurezza in città. Sono stato "visitato" dai ladri giovedì notte (29 marzo). Abito a Capolago ma non faccio parte del gruppo di cittadini di Capolago e Cartabbia cha hanno scritto in questi giorni una denuncia pubblica per attirare l’attenzione sul problema delle rapine in villa.

Nella stessa notte in cui i ladri hanno rubato in casa mia (io e mia moglie eravamo a letto), sono state derubate la casa del mio dirimpettaio e quella del mio vicino (abito in una bifamiliare).
Il giorno dopo ci siamo recati tutti in questura per sporgere regolare denuncia.
Apprendo dai giornali nei giorni seguenti che una rapina con sequestro di persona si è verificata in una villa in zona Schiranna e che i poveri proprietari hanno passato un "brutto quarto d’ora" (diciamo così tanto per non drammatizzare troppo).
Inoltre, se io e i miei due vicini non siamo tra i firmatari della denuncia/appello a cui facevo riferimento sopra, vuol dire che nell’arco di pochi giorni i "fortunati" cittadini visitati da ospiti non invitati sono piuttosto numerosi e tutti concentrati in un’area abbastanza ristretta.

Ora, capisco che non si deve generalizzare e che se i tutori dell’ordine pubblico dicono che i dati non indicano una crescita fuori media degli episodi delittuosi gli si deve credere, mi chiedo comunque perchè di fronte ad una concomitanza di episodi come quelli accaduti in questi giorni non vi sia (almeno in apparenza) una reazione immediata.
Voglio dire: se in due o tre giorni arrivano numerose segnalazioni di furti tutti da una zona è così difficile aumentare temporaneamente il pattugliamento di questa zona? Forse, è ovvio è solo una ipotesi, la rapina della Schiranna poteva essere evitata.

RingraziandoLa porgo distinti saluti

Moreno Daverio

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.