Un weekend “a ritmo di danza”

Domenica 29 aprile si celebra anche sotto la Madonnina la XXV Giornata Internazionale della Danza. Con spettacoli, lezioni e proiezioni video che coinvolgeranno l’intera città

Spettacoli, danze urbane, lezioni aperte, incontri e presentazioni di libri per un totale di circa 200 artisti coinvolti e 18 luoghi interessati.

E’ solo un sommario elenco dell’incredibile varietà di appuntamenti che invaderanno Milano domenica 29 aprile prossimo nella celebrazione della Giornata internazionale della Danza, quest’anno alla sua XXV edizione ma alla “prima assoluta” nel capoluogo lombardo.

Istituita, a partire dal 1982, sotto l’egida dell’UNESCO, la Giornata internazionale della Danza celebra ogni anno il 29 aprile – data di nascita di Jean-Georges Noverre, celebre “maître de danse” francese  – il mondo del ballo in tutte le sue diverse forme ed espressioni, ed è per tradizione accompagnata da un messaggio a sostegno dell’arte coreutica scritto da una personalità di fama internazionale.

“La scelta del Comune di Milano di aderire all’iniziativa – ha spiegato Vittorio Sgarbi in occasione della presentazione alla stampa – è dettata dalla volontà, di tutta l’attuale Amministrazione, di riportare la danza, dopo anni di colpevole declino, ad essere una delle forme d’arte principe della tradizione meneghina”.  “E perché le eccellenze, in questo ambito, del capoluogo lombardo – ha sottolineato Giovanni Terzi, Assessore al tempo libero – sono davvero molte, e tutte meritevoli di un’adeguata valorizzazione”.

La manifestazione, realizzata in collaborazione con la Biennale di Venezia, Arci Milano e ArtedanzaE20,  avrà anche l’appoggio dell’Assessorato comunale alla Salute “perché la danza è equilibrio psicofisico, capacità di esprimersi e strumento in grado di rompere le barriere mentali” – ha voluto ricordare l’Assessore Carla De Albertis.

Ad aprire il ciclo di appuntamenti una tavola rotonda d’anticipazione, “La danza oggi, quale futuro?”, in programma sabato 28 aprile alle 15.00 presso la sala conferenze di Palazzo Reale.

A seguire, domenica 29 aprile, il ricchissimo ventaglio di proposte – tutte ad ingresso libero e gratuito eccezion fatta per gli spettacoli in teatro della fascia serale – in un percorso urbano che si snoderà da piazza Duomo e dalla Galleria Vittorio Emanuele sino al Teatro degli Arcimboldi passando per Parco Sempione, piazza Cordusio, la Fabbrica del Vapore, il Teatro Carcano e molti altri luoghi del centro e della periferia.

La Giornata della Danza inizierà all’Urban Center, dove sarà possibile assistere (dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00) a una selezione di video e filmati a tema. All’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele saranno invece di scena danze e balli per i più piccoli (10.30 – 11.30) e interessanti performances seguite, dalle 16.00 alle 18.30, dall’attesissimo “Ballo di primavera”. Lezioni di danza contemporanea e “contact” saranno offerte da “Astratti Contatti” e “Compagnia Lische” nei pressi del Bar Bianco di Parco Sempione (dalle 15.00 alle 19.00). Tutte le associazioni e le principali scuole di ballo della città apriranno le loro porte per lezioni di prova e dimostrative delle principali tecniche e movenze, dalla “Classica” alla “Contemporanea” al “Modern Jazz”. L’Associazione Viaggiatori dell’Anima dalle 10.00 alle 12.00 (presso la sede di via Murat 7) e dalle 16.00 alle 18.00 (scuola OnStage di via Ruitilia 10/8) organizzerà lezioni di “teatrodanza” e “danzaterapia” per giovani e meno giovani, con programmi adatti anche a disabili e ai loro accompagnatori.

La Giornata della Danza, che sarà seguita per tutta la sua durata dagli operatori di Classica (canale 728 di Sky), si concluderà al teatro degli Arcimboldi con lo spettacolo di Ismael Ivo, “Mapplethorpe”, a partire dalle ore 21.00.

In apertura dello spettacolo Joseph Fontano, Presidente del  Wonder Dance Alliance Europe, leggerà il messaggio al mondo della danza scritto, per quest’anno, da Sasha Waltz, acclamata coreografa e regista tedesca.

 

Per informazioni: www.milanodanza.org

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.