Siluri predatori, allerta nel lago: “Pescateli tutti!”

I pericoli nel lago vengono da est. L'esperto propone di farsi aiutare dai pescatori, Mirabelli critica gli enti locali

Il lago di Varese da tempo soffre un aumento di pesci siluro, specie proveniente dall’est e nord Europa, considerata potenzialmente dannosa per il popolamento del nostro specchio d’acqua. Lo conferma una relazione della Provincia sulla diffusione del pesce siluro, che Villa Recalcati ha inviato in Comune, e che ribadisce, nella sostanza, la pericolosità del pesce, specie alloctona dannosa che non può essere immesa nei nostri laghi e che deve essere soppressa. La nota del settore faunistico giunge a risposta di una interrogazione del consigliere comunale Fabrizio Mirabelli del Pd.
Il pesce in questione giunse in Lombardia nel 1957 sull’Adda, negli anni Ottanta invase il lago di Comabbio e da lì, attraverso il canale Brabbia, è giunto nel lago di Varese. Secondo l’esperto faunistico della Provincia, al momento la sua presenza non è particolarmente rilevante ma le caratteristiche della specie fanno ritenere che
possa aumentare e mettere in pericolo altri tipi di pesci.
Dunque, il contenimento è importante che venga deciso al più presto e, tra le azioni per debellarli, la Provincia consiglia questa: chiedere ai pescatori del lago di prenderli e farli sparire. Mirabelli commenta così: "Non bastano i pescatori, gli enti locali si devono muovere, altrimenti trascurano questo problema".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.