Raddoppiano gli studenti in visita al Centro didattico scientifico

Grande successo del Progetto Accoglienza della struttura all’interno del Parco Pineta, di fianco all’osservatorio asrtronomico

 “Un progetto al servizio di alunni ed insegnanti, una serie di attività che accompagnano gli studenti in un percorso di conoscenza graduale, dal singolo individuo a cooperazione in gruppo; ecco il segreto del successo di questo progetto che ha portato al Centro Didattico Scientifico di Tradate un migliaio di ragazzi nel mese di ottobre”. Mario Clerici, Presidente del Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate si dichiara soddisfatto del risultato ottenuto del Progetto Accoglienza al Centro Didattico Scientifico di Tradate.
 
Inizia la scuola e spesso questo coincide con il ritrovarsi in classe coetanei sconosciuti. Ma non solo, anche chi sta dietro la cattedra ha la necessità di conoscere al meglio la banda di simpatici scalmanati seduta davanti a se. Perché non partecipare ad una giornata di accoglienza, magari fuori da scuola, in un ambiente diverso ma gradevole, in mezzo ad una foresta ma senza dover rinunciare a servizi e tecnologia e con una serie di attività finalizzate proprio alla conoscenza. Ecco nascere le Giornate di accoglienza del Parco Didattico Scientifico, create da equipe di educatori, divulgatori ambientali ed astronomici proprio con l’obbiettivo di favorire la conoscenza tra studenti; una serie di attività che gradualmente accompagnano l’alunno attraverso un percorso … prima singolarmente, poi in piccoli gruppi ed ancora in uno o due grossi gruppi continuamente mescolati, stimolando così la conoscenza dei nuovi compagni di viaggio. Eh si, perché il cambio di grado scolastico non è che l’inizio di un lungo viaggio verso un altro cambiamento dove il comandante della nave ha estremamente bisogno di conoscere la sua ciurma! Proprio per questo la programmazione è ideata con l’intenzione di porre l’alunno in situazioni di lavoro, socializzazione e collaborazione differenti, al fine di offrire agli attenti occhi dell’insegnante una serie di informazioni da cui trarre deduzioni sulle capacità relazionali e cognitive dei propri studenti. Ma non finisce qui!
 
Le attività si svolgono proprio al Centro Didattico Scientifico dove ricerche e studi ambientali si intrecciano con osservazioni ed analisi della volta celeste. Giochi di conoscenza si, ma che, oltre all’aspetto ludico, offrono l’occasione di conoscere l’ambiente intorno a se nonché l’Osservatorio Astronomico. Sorge qui infatti uno dei più tecnologici ed avanzati Osservatori astronomici, il cui organico avrà un ruolo fondamentale nelle giornate di accoglienza proponendo anch’esso attività ed offrendo la possibilità di visitare direttamente il laboratorio eliofisico (dove si studia la stella sole) e la magnifica specola principale. Il successo è suggellato dal raddoppio delle adesioni rispetto all’anno passato, presupposto di un consenso di insegnanti che sembra non arrestarsi anche in vista del prossimo anno scolastico.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.