Salma “in attesa” per due settimane per la cremazione. L’Asl: “Ci dispiace”

La risposta dell’Asl di Varese al lettore il cui padre, deceduto a settembre, ha atteso due settimane per essere cremato a causa di incomprensioni tra Asl, agenzia funebre e forno crematorio

Pubblichiamo di seguito la risposta dell’Asl di Varese alla richiesta di Simone Gerosa, il cui padre, deceduto a settembre, ha atteso due settimane per essere cremato a causa di incomprensioni tra Asl, agenzia funebre e forno crematorio.
 
In merito alla richiesta di espianto di pace maker relativa al Sig. Enrico Gerosa deceduto in data 21/09/2011 in Tradate la Direzione del Distretto sanitario di Saronno precisa che il giorno successivo veniva predisposta e protocollata dal Area distrettuale di Saronno richiesta di espianto indirizzata all’Azienda Ospedaliera di Circolo di Varese U. O. Medicina Legale e alla Ditta Socrem. E’ consuetudine del Distretto, secondo protocollo Aziendale, inoltrare direttamente via fax tutte le istanze relative agli espianti, ma in questo caso, su richiesta delle pompe funebri, è stato consegnato il giorno stesso nella persona di un incaricato che garantiva il successivo inoltro all’U.O. Medicina Legale e Ditta Socrem. Nella settimana successiva i parenti del deceduto si lamentavano con gli operatori distrettuali del fatto che l’Azienda Ospedaliera non avesse ancora provveduto all’espianto e pertanto si inoltrava all’Unità Medicina Legale, via fax in data 03/10/2011, la richiesta già anticipata alle pompe funebri. La Direzione esprime profondo rammarico per il grave disguido involontariamente provocato alla famiglia in un momento tanto delicato. In futuro, anche per evitare tali spiacevoli inconvenienti, ci si atterrà scrupolosamente, come d’altronde è sempre stato fatto, alle procedure interne senza affidarsi, in buona fede, ad Enti terzi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.