Il “Cresci Lombardia” approda in Consiglio regionale

Il testo del progetto di legge n. 146 contiene 65 articoli per il sostegno del mondo del lavoro, sviluppo del territorio, interventi in materia ambientale, infrastrutture e trasporti, progetti per la diffusione della banda ultra-larga e disposizioni per la semplificazione, digitalizzazione e competitività

L’assessore regionale alle Attività produttive, Andrea Gibelli, lo aveva annunciato a Legnanonon più di una settimana fa, durante un convegno sull’internazionalizzazione delle imprese: «Lo Sba (Small business act ndr) lombardo è in dirittura di arrivo. La Lombardia è la prima regione in Italia ad adottarlo». 
Il testo del progetto di legge n. 146 il cosidetto "Cresci Lombardia", già passato in commissione, è oggi al vaglio del consiglio regionale. Il provvedimento contiene misure per favorire la crescita, lo sviluppo e l’occupazione. I 65 articoli stabiliscono norme e interventi raggruppabili in cinque macroaree, che comprendono: sostegno del mondo del lavoro, sviluppo del territorio, interventi in materia ambientale, infrastrutture e trasporti, progetti per la diffusione della banda ultra-larga e disposizioni per la semplificazione, digitalizzazione e competitività.

Mercato del lavoro – Per garantire l’alternanza tra studio e lavoro nei percorsi formativi, la Regione promuove i tirocini presso i datori di lavoro pubblici e privati e agevola il riconoscimento di tutte le forme di apprendistato: in questo modo verranno favoriti l’inserimento o il reinserimento nel mercato del lavoro. Per garantire il diritto all’apprendimento lungo l’arco della vita della persona, propone di istituire un fondo regionale presso Finlombarda. La promozione di una crescita competitiva sarà sostenuta da accordi a livello regionale con le organizzazioni e le imprese che introdurranno modelli finalizzati a favorire l’accesso al mondo del lavoro dei giovani, la ricollocazione dei lavoratori espulsi e la realizzazione di forme stabili di welfare aziendale. Per questi obiettivi la Regione destinerà almeno il 20% degli stanziamenti annuali previsti. Per quanto riguarda il sistema educativo di istruzione regionale, prenderà il via dal prossimo anno scolastico l’organizzazione sperimentale di concorsi differenziati a seconda del ciclo di studi. Inoltre, grazie a un accordo con il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, verrà resa disponibile la banca dati degli studenti universitari per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Sviluppo del territorio-
Il testo prevede nuove disposizioni per l’agricoltura e il servizio fitosanitario, che si allineano alle direttive europee. Sono comprese anche semplificazioni nel campo dell’urbanistica e dell’edilizia, con norme che faciliteranno la valorizzazione del patrimonio immobiliare della Lombardia.

Ambiente ed energia –
In merito alle energie rinnovabili, la Regione prevede criteri che premieranno le medie e grandi strutture di vendita nell’utilizzo di energie sostenibili e nella riduzione dei rifiuti. Muovendo da PEAR, il Programma Energetico Ambientale Regionale, la Giunta provvederà a raggiungere gli obiettivi di copertura energetica da fonti rinnovabili entro il 2020.

Reti e banda ultra-larga –
In linea con il progetto BUL (Banda ultra-larga), la Regione intende realizzare livelli avanzati di reti e servizi a banda larga e ulta-larga in modo da garantire l’efficienza delle strutture pubbliche. Tra gli obiettivi c’è anche quello di fornire strumenti alle imprese che garantiscano competitività.

Semplificazioni e digitalizzazione – Per semplificare e digitalizzare i rapporti con i cittadini e le altre amministrazioni pubbliche, la Giunta approva due atti generali di semplificazione: l’Agenda Lombarda Semplice e l’Agenda Digitale Lombarda. Verranno promosse iniziative per la digitalizzazione attraverso la Carta Regionale dei Servizi. Inoltre, in attuazione dello Small Business Act (approvato dall’Europa nel 2008), verranno adottate linee guida che conterranno gli oneri amministrativi per le imprese.

(nella foto da sinistra Gibelli con Vittorio Missoni)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 aprile 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.