Itpa Montale, professori e studenti “uniti per il futuro”

Il resoconto di una giornata di autogestione organizzata dai ragazzi della scuola superiore: confronto coi professori e questionario di comprensione tra gli studenti

Durante la giornata di mercoledì, l’itpa Montale ha visto svolgersi per la prima volta, dopo tanti anni, una mattinata di autogestione. Noi rappresentanti d’istituto abbiamo deciso di organizzare tutto ciò in quanto riteniamo opportuno lanciare un chiaro messaggio non solo ai nostri studenti, ma a tutti. Noi siamo dalla parte dei professori e i professori sono dalla nostra parte, siamo tutti sulla stessa barca e di conseguenza la scelta più giusta che potevamo fare era questa: organizzare una giornata in cui si dava una certa importanza al dialogo e in cui si rafforzava ulteriormente il rapporto non solo tra noi studenti, ma anche quello con i docenti.

 

Per le prime 2 ore abbiamo deciso di dividere gli studenti in due gruppi: il primo che ha assistito all’assemblea in palestra con noi rappresentanti e i docenti e il secondo che ha guardato un film. Nelle due ore successive, invece, i due gruppi si sono alternati, chi era in assemblea ha guardato il film e viceversa. Mentre durante la 5a ora ogni studente si è recato nella propria classe a fare un resoconto della giornata. Le due ore di assemblea sono servite molto secondo noi, è stata la prima occasione in cui i docenti hanno potuto esporre le loro motivazioni riguardo alla protesta, in cui gli studenti sono riusciti a esprimere la loro opinione apertamente discutendone con i professori, un vero e proprio dibattito.

 

Invece per quanto riguarda il film, abbiamo concordato con alcuni docenti di guardare "Freedom writers", con lo scopo di sensibilizzare gli studenti sul loro ruolo scolastico e sul rapporto che hanno tra di loro e con i professori. Infine, durante l’ultima ora, gli alunni hanno potuto confrontarsi tra di loro liberamente esprimendo anche dei giudizi riguardo a questa giornata, noi rappresentanti abbiamo anche consegnato dei questionari ad ogni classe in modo tale che venisse fatto anche un resoconto scritto. Il tutto si è concluso positivamente, ora si può dire davvero che siamo tutti dalla stessa parte, dopo questa giornata, gli studenti hanno compreso tutti i motivi di protesta adottati dai docenti, abbiamo avuto un dialogo aperto e una discussione libera con loro. Questo potrebbe essere molto utile anche per le eventuali problematiche future, adesso c’è un’atmosfera più serena, abbiamo un rapporto migliore tra di noi, un rapporto basato sul dialogo e il confronto, i professori sono con noi e noi siamo con loro, siamo uniti dalla stesse idee e convinzioni ed è una cosa importante per tutti. Dobbiamo rimanere così, uniti cercando prima di migliorare noi stessi e le problematiche della nostra scuola, uniti parlandoci di più tra di noi esprimendo le nostre opinioni e dialogando apertamente, uniti contro chi continua a tagliarci i fondi per la nostra istruzione quando prima dovrebbero tagliare i loro stipendi, uniti con la speranza che qualcosa cambi in meglio, uniti per il futuro.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.