Parcheggi disabili, Sea si scusa e trova il rimedio

Da domani il disabile che deve parcheggiare a Malpensa per poi prendere il treno potrà evitare il pagamento recandosi alla cassa parcheggi ed esibendo il biglietto ferroviario. In attesa di un nuovo regolamento

Sea si scusa e trova il rimedio. La società che gestisce l’aeroporto di Malpensa interviene dopo la denuncia del disabile che si è visto costretto a pagare 29,50 euro per il parcheggio in aeroporto, utilizzato per prendere il treno Malpensa Express, l’unico adatto al trasporto della carrozzina e dotato dei confort necessari per affrontare il viaggio verso Milano: «Il nostro regolamento era fatto per evitare abusi, che purtroppo si verificano molto di frequente. Per chi vola, funziona bene e non ci sono problemi, mentre le difficoltà e i disagi possono sorgere per chi prende il treno: gli utenti sono sempre di più e stiamo lavorando con Trenord per trovare una soluzione ed evitare disagi. Al momento non abbiamo la possibilità di controllare la titolarità del biglietto di chi prende il treno, ma arriveremo anche per il servizio ferroviario ad avere un sistema di riconoscibilità del passeggero disabile per garantirgli la gratuità del trasporto. Fino alla stesura del nuovo regolamento, da domani il disabile che deve parcheggiare a Malpensa per poi prendere il treno potrà evitare il pagamento recandosi alla cassa parcheggi ed esibendo il biglietto ferroviario. Ci scusiamo con Simone per il disagio subito».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 gennaio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.