Il giudice Novik: “Basta col turismo giudiziario”

Poco prima di partire per Roma dove prenderà posto alla Corte di Cassazione, l'ex-presidente della sezione penale del tribunale di Busto Arsizio sottolinea: "Esiste la videoconferenza ma manca la normativa, che aspettiamo?"


E’ ormai l’ex-presidente della sezione penale del Tribunale di Busto Arsizio, pronto a partire per Roma dove prenderà possesso del suo ufficio nel palazzo della Corte di Cassazione a Roma, ma questa mattina Adet Toni Novik era ancora al suo posto nell’ufficio del Tribunale di Busto Arsizio, sulla scrivania i giornali che riportano la notizia dell’assalto al furgone della Polizia Penitenziaria e l‘evasione di Domenico Cutrì, l’ergastolano che aveva fatto ammazzare un presunto rivale in amore. Scuote la testa: «Basta con questo turismo giudiziario – sbotta il giudice – esistono tutte le tecnologie per tenere udienze in videoconferenza ma serve una normativa a supporto». Una cosa è certa, quello che è accaduto a Gallarate non deve più ripetersi: «Noi abbiamo usato più volte lo strumento della videoconferenza in udienza ma deve diventare una prassi, soprattutto quando si devono muovere personaggi a rischio». Non si esclude, a questo punto, un’accelerazione della chiusura della sede di Gallarate, vista anche la mancanza di sicurezza venutasi ad evidenziare con questo episodio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore