“500 euro per chi aiuterà a trovare i ladri delle scuole”

Dopo il nuovo episodio a Cajello, Paolo Bonicalzi propone una taglia, "per fermare la banda che colpisce nelle scuole"

Cascinetta e Cajello: i luoghi  (inserita in galleria)

«Offro una ricompensa di 500 euro a chi aiuterà a individuare i ladri che colpiscono le scuole»: è la promessa di Paolo Bonicalzi, dopo l’ultimo furto che ha segnato le elementari del quartiere Cajello.

Bonicalzi è consigliere comunale d’opposizione, ma è anche nel Consiglio d’Istituto dell’IC Ponti, il comprensivo in cui rientrano le scuole di Cascinetta e Cajello. E in questa veste – oltre che da genitore di un bimbo che frequenta le primarie di via Liberazione.

«Voglio offrire una ricompensa di 500 euro a chi darà informazioni a chi darà informazioni concrete che portino al recupero della refurtiva e all’arresto di quella banda che sta saccheggiando le scuole della provincia» spiega Bonicalzi. «Questi furti sono un atto vile, che fa male a tutta la società. Danneggiano anche i bambini, anche perché ad esempio i computer sono preziosi per i bambini che hanno difficoltà e che hanno un aiuto grazie a programmi appositi installati».

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 27 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da PaoloIsa

    Non sarebbe meglio investire i 500 euro in un buon antifurto ?
    Chiudere il cancello dopo che le pecore sono scappate non è sicuramente d’aiuto. Se si continua a pensare alla proprietà pubblica come un bene di nessuno non si va da nessuna parte. La proprietà pubblica è di tutti e la
    conservazione in ottime condizioni è obiettivo da perseguire da chi la proprietà la amministra.
    Il buon proprietario di casa controlla le tegole prima della stagione dei temporali e non solo quando ha l’acqua in casa ;-)