Conoscere e giocare con i rifiuti

Fa tappa all’Ostello la mostra ludica sulla riduzione, recupero e riciclaggio dei rifiuti

Arte - Mostre
pittori, quadri, dipinti, sculture

L’esposizione itinerante delle buone pratiche sostenibili in materia di rifiuti, una delle attività di educazione allo sviluppo sostenibile creata nell’ambito del Piano Integrato Transfrontaliero Modus Riciclandi della Provincia di Varese, riparte con tante novità.

La nuova tappa della mostra «Ri Come …», allestita dal Comune di Viggiù presso l’ Ostello ai giardini pubblici, in Piazza Europa 7/a, sarà inaugurata sabato 9 aprile 2016, ore 15.00.

I rifiuti fanno parte della nostra vita di tutti i giorni, eppure ci sono tante cose di loro che non sappiamo: qual è il loro reale impatto sul pianeta? Come possiamo ridurlo? Che cosa succede quando escono dalle nostre case?

La mostra «Ri Come…» tenta di dare una risposta a queste domande proponendosi di comunicare il concetto di rifiuto; creare la percezione della quantità di rifiuti prodotti per unità di tempo; suggerire comportamenti virtuosi; comunicare che i rifiuti sono risorse e porre l’accento sull’importanza della raccolta separata.

«Ri Come…» parte dai bambini e dai ragazzi per diffondere in tutta la popolazione una cultura della gestione del rifiuto più responsabile e ambientalmente compatibile, con un linguaggio diretto, ludico e scientificamente approfondito. Questo perché tutti noi dobbiamo essere protagonisti dello sviluppo sostenibile del nostro territorio.

Il percorso espositivo, oltre a indicare quali sono i comportamenti corretti per ridurre la propria impronta ecologica, dimostra anche che, attraverso l’esposizione di oggetti comuni, mobili e giocattoli realizzati con il riuso e il riciclaggio di materiali, lo sviluppo sostenibile non è solo una teoria, ma una realtà concreta, vicina e possibile.

L’allestimento di «Ri Come…» è stato progettato in moduli espositivi a forma di scatola, facilmente trasportabili, e realizzato prevalentemente con materiali riciclati e di riuso. La grafica e la scelta dei contenuti sono interattivi e studiati per essere fruibili, con un approccio di diverso livello, sia dai bambini più piccoli sia dagli adulti.

Un allestimento speciale della mostra è il Cantiere, un laboratorio esterno ed itinerante gentilmente concesso dal centro del riuso creativo ReMida Varese che, con materiali di scarto derivati dal legno, coinvolge i visitatori nella libera sperimentazione sulle forme, le dimensioni e le proprietà dei materiali all’interno di un processo ideativo e costruttivo.

Sempre nell’ottica di dimostrare che lo sviluppo sostenibile inizia con piccole azioni concrete e con i comportamenti della vita quotidiana, sono stati messi in calendario una serie di “Laboratori del riciclo” tenuti dalla scultrice viggiutese Maria Rita Fedeli, per le classi delle scuole primarie, che coinvolgeranno circa 200 alunni. Il laboratorio permetterà di sperimentare le tecniche di riuso di materiali di scarto realizzando piccoli oggetti re-made in Viggiù.

Saranno anche esposti i progetti-lavori dei ragazzi delle scuole primarie e secondarie dell’Istituto Comprensivo di Viggiù, realizzati durante il Laboratorio di “Arte e Riciclo”, svolto in collaborazione con S.O.M.S. A.C.T.

Al termine del laboratorio, ogni ragazzo partecipante riceverà un attestato che testimonierà la partecipazione all’evento

“Ri Come…”.
L’ingresso e la partecipazione ai “Laboratori del riciclo” sono gratuiti.
La mostra sarà allestita fino all’8 maggio
orario di apertura: da martedì a venerdì 14.20 – 17.20 – sabato 10 – 12 e 14.20 alle 17.20 – domenica 14.20 – 17.20
Info: 0332.486510 oppure biblioteca@comune.viggiu.va.it
Per candidarsi ad ospitare la prossima tappa della mostra: 0332.252882 oppure sviluppo.sostenibile@provincia.va.it
Possibilità di parcheggio auto e accesso con percorso più breve dal piazzale dei Musei Civici (Viale Varese, 4)

di erika@varesenews.it
Pubblicato il 08 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.