Gli incendi nei boschi riprendono “vigore”

I focolai si risvegliano: ancora interventi all'Alpe Tedesco e a Colmegna

Pomeriggio di intenso lavoro per i vigili del fuoco di Varese. Oltre agli interventi per spegnere gli incendi alle canne fumarie di abitazioni (uno a Viggiù e l’altro a Busto Arsizio), sono tornati in azione per spegnere le fiamme negli stessi boschi colpiti dal fuoco nei giorni scorsi. I focolai più grossi sono in Valganna, all’Alpe Tedesco; brucia anche, ma in maniera meno intensa, la zona intorno a Colmegna.
Ancora impegnativi gli interventi all’Alpe Tedesco, dove è stato necessario richiedere l’aiuto delle Guardie Forestali e dei volontari, meno preoccupante la situazione a Colmegna dove i vigili del fuoco di Luino sono riusciti a contenere la ripresa dei focolai.
Sempre nel pomeriggio i vigili del fuoco di Varese sono stati allertati per un sub che pareva fosse rimasto "imprigionato" a Punta Granelli a Castelveccana. L’allarme era stato lanciato dal compagno di immersioni del sub che aveva perso i contatti con il "collega". Mentre le squadre si preparavano ad uscire il contrordine: il sub era riemerso e l’allarme rientrato.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 18 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.