Gorini scagionato, non diffamò l’ex sindaco Rosa

Due anni fa il segretario della Lega si era "scusato" pubblicamente a nome del partito per la candidatura e l'elezione di Luigi Rosa. Niente risarcimento per l'ex primo cittadino

Il tribunale civile di Busto Arsizio ha assolto ieri il segretario politico della Lega Nord bustese, Giuseppe Gorini (foto), dall’accusa di diffamazione. La querela contro l’esponente leghista era partita alla fine del 2005 dall’allora sindaco Luigi Rosa, cui Gorini aveva rivolto apprezzamenti giudicati dal primo cittadino come ingiuriosi nell’ambito della crisi che avrebbe portato, di lì a poche settimane, alla caduta della Giunta, al commissariamento del Comune e ad elezioni anticipate. A fine novembre 2005 Gorini si era infatti sentito in dovere di scusarsi con la città per quel sindaco espressione della Lega Nord, e ad essa ben presto risultato indigesto. Da qui la querela.

Rosa aveva chiesto un risarcimento da ben 50.000 euro; il giudice lo ha negato sulla base del fatto che una figura pubblica deve essere pronta a subire anche le critiche più aspre, purché non gratuite.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 07 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.