“Meglio in cella che ai domiciliari con mia moglie”

Cinquantenne "evade" dagli arresti domiciliari... per consegnarsi ai carabinieri e chiedere di essere portato in carcere

Piuttosto che sopportare la moglie, ha preferito tornare in cella. Questa la scelta di un 50enne originario di Gela, che si trovava agli arresti domiciliari per furto. Qualche giorno fa l’uomo è "evaso" dalla residenza obbligata presso il proprio domicilio di Busto Arsizio ed è andato dritto alla caserma dei Carabinieri di piazza XXV Aprile per consegnarsi ai militari e chiedere di essere riaccompagnato in carcere. Motivo: non ce la faceva più, meglio la "tranquillità" di una cella con tanto di sbarre e compagni di pena che la relativa libertà dei domiciliari, in compagnia di una consorte divenuta evidentemente insopportabile.

I carabinieri, verificata la situazione tesa all’interno della coppia, non hanno potuto fare altro che accontentare l’uomo, che ora dovrà rispondere, almeno tecnicamente, anche di evasione.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.