Fiumicino, sequestrato un chilo di cocaina purissima

La sostanza stupefacente era nascosta in due involucri, accuratamente sigillati, posti all’interno di un ingegnoso doppiofondo

I funzionari doganali in servizio presso l’aeroporto di Fiumicino, con la collaborazione della squadra antidroga della Guardia di Finanza, hanno scoperto e sequestrato un chilo di cocaina eccezionalmente pura dalla quale si sarebbero potuti ricavare non meno di 5 Kg di droga da strada, per un valore di mercato di circa 1 milione di euro. La sostanza stupefacente era nascosta in due involucri, accuratamente sigillati, posti all’interno di un ingegnoso doppiofondo ricavato tra la gomma e la tomaia delle scarpe, particolarmente rigide e pesanti, calzate da un passeggero proveniente da Tripoli che camminava con andatura anomala bloccato in prossimità del nastro di restituzione bagagli. L’uomo, un trentenne originario del Benin, con permesso di soggiorno in Italia e residente in provincia di Napoli, è stato arrestato per traffico internazionale di stupefacenti e tradotto presso il carcere di Civitavecchia, a disposizione della locale Procura della Repubblica.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 24 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.