La Destra:”Protestiamo contro le preghiere musulmane ad Arnate”

Le motivazioni del movimento e le iniziative proposte

Riceviamo e pubblichiamo

Il coordinamento Provinciale de LA DESTRA ritiene inaccettabile il silenzio e la mistificazione messa in atto da autorità civili e religiose, partiti politici e organi di informazione riguardo alla futura occupazione della comunità mussulmana del quartiere di Arnate.
Agli organi di informazione ribadiamo come la popolazione sia in totale disaccordo sul fatto che per 40 giorni il quartiere sia invaso da cittadini stranieri che usano un luogo da sempre rifiutato ai giovani del quartiere per trasformarlo in luogo di preghiera.
Alla curia chiediamo se la concessione sia avvenuta per ottemperare ad un alto senso della tolleranza o dietro una generosa offerta da parte della comunità islamica, cosa che farebbe sorgere in noi il serio dubbio che il mercato abbia ormai pervaso e intriso anche il mondo della spiritualità.
Alle autorità Comunali e Provinciali chiediamo quali strumenti abbia il cittadino per manifestare il proprio dissenso e se questi (supportati da valide argomentazioni) servano a mutare il corso degli eventi. Intanto prendiamo atto che oltre ad una presenza islamica pregnante Gallarate si è avvicinata anche alla Cina, infatti le nostre richieste per posizionare un banchetto davanti alla chiesa di Arnate sono state respinte per il fatto che (come in Cina) le richieste di protesta vanno inoltrate tre giorni prima. Chiediamo inoltre se tutte le procedure siano state eseguite a norma di legge e quali normative  siano state applicate.
Ai partiti politici due cosette ci sentiamo di dirle, tutti capaci di presidiare le piazze e le vie quando bisogna raccattare voti, i cittadini diventano prede da abbindolare, convincere, riempire di parole e fandonie nella maggior parte dei casi. Quando succede qualcosa di pregnante i politici (o come dice la gente i politicanti) spariscono. La Lega Nord si occupa di rotonde, la sinistra non la consideriamo dalla parte della gente e quindi non merita citazioni, Forza Italia in queste occasioni prende la decisione di essere su un altro pianeta per non scontentare chi protesta e la  curia, Alleanza Nazionale non cambia la pelle e si dimostra la peggior interprete della nuova politica. Noi riteniamo che la tolleranza si trasformi lentamente in sudditanza, alcuni mesi orsono il  capogruppo di Allenza Nazionale De Bernardi Martignoni è arrivato a proporre di allungare l’orario di apertura per i Kebab di alcune ore. Adesso che posizione prende in merito a questa vicenda? Dobbiamo ampliare anche l’orario delle preghiere? Dobbiamo trasformare questo quartiere in una prigione a cielo aperto? O dobbiamo prendere atto che degli abitanti di Arnate non interessa nulla a questi illuminati politici?
Invitiamo tutti i cittadini a sottoscrivere la petizione da inviare al Sindaco Mucci, promossa dal comitato spontaneo (sono state già raccolte più di 150 firme) e manifestare il dissenso passeggiando per la Piazza di Arnate nella  giornata di domani e in occasione della Santa Messa (visto che sarà una delle ultime occasioni).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore