«Proseguiamo la lotta a chi affitta ai clandestini»

La soddisfazione dell’amministrazione comunale per l’operazione effettuata a Cislago tra polizia locale e carabinieri

riceviamo e pubblichiamo

L’amministrazione comunale di Gerenzano ringrazia tutti quanti hanno collaborato e agito affinché fosse possibile porre in essere l’azione compiuta lo scorso 19 agosto dai carabinieri della Stazione di Cislago con la collaborazione della nostra Polizia Locale. Quanto accaduto è il risultato di un lungo lavoro che è iniziato nel gennaio di quest’anno, quando l’amministrazione comunale ha deciso di dar vita ad una Commissione Sicurezza, che vedeva presenti i Carabinieri, la Polizia Locale, la Protezione Civile e gli uffici comunali competenti (ufficio tecnico e anagrafe), creando nel contempo la figura dell’assessore con delega alla Sicurezza, ricoperta da Cristiano Borghi. In questi mesi molti sono stati i controlli presso le abitazioni che erano conosciute come occupate da cittadini extracomunitari: la finalità era di verificare se vi fossero presenti anche degli irregolari. Alcune segnalazioni sono state fatte anche dai cittadini e tutte queste sono state controllate. Da questo capillare lavoro si è potuto stilare una mappa dei residenti extracomunitari. In questo modo le forze dell’ordine hanno potuto avere altri dati a disposizione rispetto a quelli già in loro possesso, con la conseguenza di coordinare meglio gli interventi. Quello dello scorso 19 agosto è stato particolarmente proficuo ed importante perché si è applicata (per la prima volta nella nostra provincia) la nuova normativa sulla sicurezza che prevede anche il sequestro degli appartamenti in attesa che il magistrato proceda ad un’eventuale confisca.

“Intendo convocare – commenta l’assessore con delega alla Sicurezza Cristiano Borghi – al più presto la Commissione Sicurezza al fine di coordinare altre operazioni di controllo. E’ poi ovvia la volontà di proseguire la proficua collaborazione con i Carabinieri, con la Polizia Locale e con gli stessi cittadini, che hanno contribuito con le loro segnalazioni alla sicurezza dell’intera comunità gerenzanese”.

La nuova normativa in materia di sicurezza darà poi maggiori poteri alle singole amministrazioni comunali: “Vedremo anche – prosegue Borghi – come intervenire con le ordinanze del sindaco, al fine di garantire sempre più la sicurezza dei nostri concittadini. Abbiamo poi in programma un incontro pubblico aperto alla cittadinanza con il senatore Luigi Peruzzotti, che collabora su questo tema con il ministro degli Interni Roberto Maroni. L’argomento sarà proprio la nuova legge e la sua applicazione”.

“Ho seguito – aggiunge il vicesindaco Pier Angela Vanzulli – l’assessore Borghi e la Polizia Locale in molti sopralluoghi, rendendomi conto di persona di quello che vi è sul nostro territorio. Negli anni abbiamo sempre avuto una grande attenzione per la sicurezza, ma ultimamente abbiamo particolarmente impiegato mezzi e risorse per controllare cosa e chi fosse presente sul nostro territorio. E i risultati del nostro impegno ora si vedono chiaramente. Ci tengo a precisare che la nostra opera è tesa a verificare se i presenti sono regolari, se lavorano e vivono in condizioni dignitose, rispettando la legge. Non stiamo facendo altro che applicare quanto la normativa prevede, con il fine di difendere i cittadini dagli extracomunitari che delinquono con l’impunità che deriva loro dal fatto che nessuno sa chi siano né dove abitino. Auspico che la confisca dei beni faccia capire ancora di più ai nostri concittadini che affittare a irregolari costituisce un reato. Da questo punto di vista i controlli saranno sempre più stringenti e puntuali. Mi auguro che d’ora in poi lucrare su queste persone diventi sempre più difficile”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore