Sei in carcere per terrorismo, indagini anche a Como

Gli arrestati tutti di origine magrebina. “Pronti a immolarsi per la jihad”

Associazione terroristica internazionale e truffa aggravata dalle finalità di terrorismo: queste le imputazioni a carico di sei persone finite in carcere questa mattina, 9 agosto, su ordine della procura della repubblica bolognese. I sei stranieri, tutti di origine magrebina, sono accusati di far parte di una cellula costituita in associazione con finalità di terrorismo internazionale, con l’obiettivo ad inviare negli scenari di guerra soggetti pronti a immolarsi per la jihad.
Due delle persone finite in manette sono inoltre indagate per truffa aggravata con finalità terroristiche per aver percepito somme da un falso incidente e averle indirizzate alla guerra santa. Nel corso dell’operazione la polizia ha effettuato 15 perquisizioni tra Imola, Faenza e Como. L’operazione, condotta dal personale della Digos della Questura di Bologna, in collaborazione con il Commissariato di Imola e la Digos di Ravenna, è coordinata dalla Direzione centrale della polizia di prevenzione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore