Corso per mediatori, il regolamento sblocca la situazione

Potrà partire il 13 dicembre il corso proposto dal Sindacato Avvocati e che era stato rinviato in attesa di chiarimenti legislativi

Mediazione, il corso di formazione alla fine parte regolarmente. Si era infatti creato un notevole pasticcio, causa l’attesa di ademplimenti legislativi che tardavano a concretizzarsi, intorno alla questione del corso per mediatori (specializzazione legata più ancora alla psicologia che al diritto) che il sindacato avvocati di Busto Arsizio aveva lanciato. Inizialmente sospeso e rinviato a data da destinarsi, il corso potrà regolarmente partire il 13 dicembre presso la Sala Tramogge dei Molini Marzoli (vicolo Molino, 2, angolo viale Cadorna), sciogliendo il "nodo" creatsoi, dal momento che in molti si erano già iscritti e avevano versato le relative quote. Nel frattempo è stato finalmente pubblicato anche in Gazzetta Ufficiale l’atteso Regolamento ministeriale sulla Mediazione (D.M. 180/2010, sulla G.U. n. 258 del 4/11/2010. Il testo del regolamento determina criteri e modalità di iscrizione e tenuta del registro degli organismi di mediazione, nonché dell’elenco dei formatori per la mediazione; idem per l’approvazione delle indennità spettanti agli organismi, ai sensi dell’articolo 16 del decreto legislativo n. 28 del 2010.
Sono altresì fissati i criteri di formazione, le tariffe, i controlli sull’albo e sul registro, le procedure.

Il Sindacato Avvocati ANF Busto Arsizio conferma quindi, in collaborazione con l’associazione Equilibrio & R.C., il Corso di formazione base e di specializzazione per Mediatori rivolto agli Avvocati e Professionisti interessati alla formazione del mediatore.
Il Programma aggiornato e il nuovo Calendario Moduli saranno consultabili a breve sul sito www.sindacatoavvocatibustoarsizio.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore