L’Italia c’è ancora, decisiva la sfida con gli USA

Le azzurre battono la Germania 3-1 e restano in corsa per un posto in zona medaglie: fondamentale battere le americane (domani alle 10)

Italia sempre in corsa, ma il bello deve ancora venire. La sfida con la Germania, la prima nella seconda fase dei Mondiali giapponesi, era fondamentale per la nazionale femminile di Barbolini: prima di tutto per scacciare i fantasmi della sconfitta con il Brasile, la peggiore nella storia azzurra, ma anche per sperare ancora in un posto nell’élite della pallavolo globale. Piccinini e compagne, dopo un inizio difficile, hanno fatto la differenza in battuta nel terzo e nel quarto set; lo snodo decisivo della kermesse iridata sarà però l’incontro di domani, quando alle 10 l’Italia affronterà gli USA delle cortesine Berg e Hodge, finora imbattuti. Solo una vittoria permetterebbe alle azzurre di continuare a sperare.
 

LA PARTITA – Barbolini presenta la stessa formazione delle ultime due partite, ma già nel primo set è costretto a sostituire una spenta Serena Ortolani con Lucia Bosetti: le azzurre, infatti, partono subito male con uno 0-4 e la formazione tedesca, allenata dall’italiano Giovanni Guidetti, resta sempre avanti fino al conclusivo 22-25. Il secondo set è quello che dà la svolta all’incontro: le azzurre continuano a soffrire ma si portano avanti 13-9, poi con tre errori consecutivi rimettono in corsa la Germania. Nel combattutissimo finale le tedesche hanno ben cinque set point, tutti annullati dalle azzurre; l’Italia se ne procura a sua volta due e alla terza occasione, propiziata da Del Core, approfitta di un errore in attacco di Kozuch per chiudere 30-28. La Germania sembra risentire dello sforzo e cala nettamente, mentre le azzurre salgono di intensità al servizio e non sbagliano un colpo in attacco, come dimostrano i due set successivi: nel terzo subito 11-1 per l’Italia, poi 22-7 e 25-8, mentre nel quarto la Germania prova a recuperare dal 10-5 ma Lo Bianco e compagne continuano a condurre 15-8 e 21-10 fino al 25-15 firmato da Valentina Arrighetti.
 
Italia-Germania 3-1 (22-25, 32-30, 25-8, 25-15)
Italia: Barcellini ne, Crisanti, Rondon, Di Iulio ne, Cardullo (L), Ortolani, Piccinini 24, Arrighetti 11, Lo Bianco 4, Del Core 18, Bosetti 7, Gioli 12. All. Barbolini.
Germania: Weiss, Hanke 1, Tzscherlich (L), Hippe 1, Radzuweit, Ssuschke 4, Matthes 6, Furst 12, Beier 6, Kozuch 17, Brinker 10, Thomsen. All. Guidetti.
Arbitri: Karampetsos (Grecia) e Zenovich (Russia).
Spettatori: 2000.
Note: Italia: battute-punto 3, battute sbagliate 5, muri 9, errori 12. Germania: battute-punto 4, battute sbagliate 8, muri 3, errori 20.
 
Seconda fase – Prima giornata
Pool E (Tokyo): Serbia-Turchia 0-3 (19-25, 16-25, 20-25); Perù-Russia 0-3 (15-25, 15-25, 20-25); Polonia-Corea del Sud 3-2 (12-25, 25-17, 25-18, 22-25, 17-15); Giappone-Cina 1-3 (23-25, 23-25, 29-27, 12-25). Classifica: Russia 8; Giappone 7; Polonia, Turchia, Corea del Sud, Serbia 6; Cina 5; Perù 4. Prossimo turno: Perù-Corea del Sud; Polonia-Russia; Serbia-Cina; Giappone-Turchia.
Pool F (Nagoya): Olanda-Cuba 3-1 (25-12, 22-25, 25-12, 25-20); Repubblica Ceca-USA 0-3 (20-25, 20-25, 13-25); Brasile-Thailandia 3-0 (25-19, 25-19, 25-16); Italia-Germania 3-1 (22-25, 32-30, 25-8, 25-15). Classifica: Brasile, USA 8; Olanda, Germania, Italia 6; Cuba, Rep.Ceca 5; Thailandia 4. Prossimo turno: Brasile-Cuba; Olanda-Thailandia; Italia-USA (diretta RaiSport ore 10); Rep.Ceca-Germania.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore