Quantcast

Colombo: “Giocato alla pari contro la seconda in classifica”

Il mister dei tigrotti dopo il pareggio nella sfida contro la Pro Vercelli si dice contento e ammette: "Mi aspetto qualcosa dal mercato"

La sfida tra Pro Patria e Pro Vercelli termina 0-0, buon risultato per i tigrotti che fermano sul pari la seconda della classe e compiono un passettino importante in avanti, più per il morale che per la classifica. Il tecnico biancoblu Alberto Colombo può sorridere: «Il divario in classifica tra le due squadre non si è visto sul piano del gioco, sulle individualità abbiamo subito un po’ di più. Nel primo tempo è stata una discreta Pro Patria, mentre nella ripresa non siamo riusciti a tenere la stessa quadratura, ma non abbiamo subito nulla fino all’ultimo secondo di partita. Nel finale abbiamo lanciato molto avanti perché forse eravamo un po’ in riserva e non siamo riusciti a tenere il pallino del gioco come accaduto ad inizio gara. Oggi siamo stati attenti e concentrati in difesa e questo ci ha permesso di non subire gol. Anche in risposta a quanto successo in settimana, posso dire che Serafini ieri sera aveva 38 di febbre e oggi ha dato tutto per sessanta minuti facendo un’ottima prestazione. Oggi sono contento della prova di Giannone, l’ho sostituito con Giorno per dare un po’ più di freschezza. Spero che nel mercato di gennaio possa arrivare qualche elemento che ci dia una mano. In difesa, con l’infortunio di Polverini, ci serve sicuramente qualcosa in difesa».
 
Il mister dei vercellesi Cristiano Scazzola è piuttosto amareggiato del pareggio finale: «Non siamo stati la Pro Vercelli solita, ma abbiamo avuto diverse occasioni che abbiamo sprecato e credo anche ci sia stato un rigore netto che non ci hanno dato, ma non voglio più parlare degli arbitri. Potevamo essere un po’ più cinici, ma ormai è andata, pensiamo a fare bene contro la Reggiana e provare a conquistare i tre punti. La Pro Patria non ci ha messo più di tanto in pericolo, ma abbiamo giocato meno bene del solito e loro sono stati bravi a difendersi».
 
Ivano Feola ha salvato il risultato in un paio di occasioni, ma soprattutto con l’ultimo intervento su Kuqi: «Siamo stati attenti per tutti i novanta minuti e non abbiamo subito molto. La Pro Vercelli ha grandi giocatori che possono creare pericoli in ogni momento, ma siamo stati bravi a contenerli. La parata alla fine ho coperto bene la porta con il corpo ed eravamo molto vicini e mi è venuto facile la deviazione. Sono felice di giocare, ma non perché si è fatto male Messima, ma credo sia bello che ci siano due portieri di livello».
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 gennaio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore