Favori e soldi, anche tre poliziotti nella rete coi fratelli Sozzi

Gli imprenditori della Gisowatt chiedevano e gli agenti eseguivano in cambio di soldi e aspirapolveri: nell'indagine della Procura bustocca finiscono due poliziotti della Questura di Como e uno di stanza a Malpensa


Ci sono anche i poliziotti corrotti in questa vicenda che abbraccia imprenditori e malavitosi e che ha finito per portare in carcere ben 17 persone tra le quali i due proprietari della Gisowatt di Gorla Minore, i fratelli Sozzi, ed esponenti della ‘ndrangheta dediti a usura ed estorsioni. C’è il poliziotto che lavora all’aeroporto di Malpensa e che aiuta la fidanzata di Gianfranco Sozzi ad entrare ed uscire dal territorio italiano senza subire alcun controllo, ci sono i due poliziotti che lavorano alla Questura di Como che forniscono permessi di soggiorno illimitati a due clienti russi della Gisowatt i quali, a loro volta, portano in Italia soldi che poi saranno depositati prima nella cassaforte di Emanuele Sozzi e poi in un conto in Svizzera.

Leggi anche: Attorno alla Gisowatt una rete criminale, 17 arresti
Leggi anche: Imprenditori amici dei boss nella terra di nessuno tra comasco e varesotto

Sozzi lo dice chiaramente ai due clienti russi in un’intercettazione: «In Italia la ruota per girare ha bisogno di essere ingrassata – dice – serve l’olio per farla girare». I poliziotti accettano qualsiasi regalia che siano soldi contanti o l’aspirapolvere ad acqua, poco importa. Uno di loro, Cosimo Bersano, era stato già arrestato nelle settimane scorse per accessi abusivi alla banca dati Sdi mentre per l’ispettore Salvatore Calignano e per Adriano Pinna le manette sono scattate questa mattina, mercoledì 14 maggio. Quest’ultimo, impiegato presso l’aeroporto di Malpensa, è in costante contatto con Emanuele Sozzi ogni qualvolta la fidanzata di Gianfranco, una donna brasiliana, deve arrivare dal Brasile o tornarci: grazie alle attenzioni del poliziotto la donna e chi l’ha accompagna salta regolarmente i controlli e viene accompagnata all’uscita o al volo. Per i tre l’accusa è di atti contrari al proprio dovere d’ufficio. Pinna vive in un appartamento dei Sozzi e ottiene sconti sull’affitto, facchinaggio gratuito, utilizzo di mezzi.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 14 Maggio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.