Eni: Indagato per corruzione internazionale il nuovo ad Descalzi

La procura di Milano indaga su una maxi tangente pagata al governo nigeriano dal colosso dell'energia per una concessione petrolifera. Sotto inchiesta anche Scaroni e Bisignani

Il nuovo amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, è indagato dalla Procura di Milano con l’ipotesi di corruzione internazionale. Secondo quanto riporta oggi il Corriere della sera, Descalzi sarebbe finito nel mirino dei pm a causa di una concessione petrolifera in Nigeria, per la quale sarebbe stata pagata una ‘mega tangente’ di cui oggi la Corte di Londra avrebbe effettuato un sequestro preventivo per 190 milioni di dollari. Insieme a lui sarebbero indagati il nuovo capo della Divisione esplorazioni, Roberto Casula, Paolo Scaroni e Luigi Bisignani. 

L’autorità giudiziaria inglese, su richiesta della Procura di Milano, ha sequestrato a un intermediario nigeriano due depositi anglo-svizzeri da 110 e 80 milioni di dollari, un quinto di quello che nel 2011 Eni avrebbe pagato (con Paolo Scaroni amministratore e Descalzi a capo della divisione Oil) al governo nigeriano per la concessione del campo di esplorazione petrolifera Opl-245 della società Malabu. L’Eni aveva detto di aver trattato solo con il governo nigeriano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore