Crisi maggioranza, i “pratiani” dettano la linea al sindaco Bellora

Quasi inaspettato, il capogruppo di maggioranza Putignano ha rivolto un discorso durissimo al primo cittadino: "Esprimo il disagio di una parte del gruppo di maggioranza". Il segretario del PD lascia l'Aula

La resa dei conti nella maggioranza di Cardano al Campo si consuma all’una di notte dopo una seduta di Consiglio comunale che faceva ormai presagire tutt’altro. E’ Rocco Putignano, capogruppo di Cardano Vive, a pronuciare un discorso durissimo verso il sindaco Angelo Bellora: "Votiamo sì al bilancio solo per senso di responsabilità, per evitare di mettere in difficoltà Cardano. Ma esprimiamo una forte critica sul percorso e il metodo di lavoro del sindaco".
Putignano non parla da capogruppo, è evidente dopo poche parole: parla per la componente dei "pratiani", la parte critica con Bellora fin da prima delle elezioni che fa della continuità con il lavoro di Laura Prati la base della propria politica. La stessa parte a cui fanno riferimento gli assessori Franzioni e Mazzucchelli che si sono astenuti in giunta proprio sul bilancio
"Esprimo il disagio di una parte del gruppo di maggioranza che poteva sfociare in un voto contrario – continua -. C’è stata una situazione di non completa condivisione del percorso di stesura del bilancio, una mancanza di rispetto di diverse sensibilità".
Il segretario cittadino del PD Luigi Dozio, presente nel pubblico, si alza e platealmente abbandona la sala del Consiglio comunale. "Non è un ricatto il nostro – continua Putignano -, ma un discorso politico in un gruppo di maggioranza con sensibilità e componenti diverse. L’invito a tutti è a abbassare i toni. Si lavori da ora in una direzione univoca: l’invito è ai consiglieri di maggioranza e in primis al sindaco". 

Volti scuri sui banchi della maggioranza, su alcuni si legge lo sconcerto. Si capisce che non era un discorso condiviso e atteso, almeno non da tutti. Poco prima Stefano Dozio aveva espresso piena fiducia al sindaco. Andrea Franzioni, uno dei due assessori "ribelli", aveva spiegato con toni molto distanti da quelli di Putignano la situazione. "Il nostro non è stato un capriccio o un giudizio sul lavoro di Bellora, ma solo una nota di metodo sul lavoro della giunta e non sul contenuto del bilancio". (Foto di gruppo al momento della vittoria a maggio)
Al momento del voto le mani alzate per il sì sono undici, quelle di tutta la maggioranza: i "belloriani", anche di fronte a uno "schiaffo" al sindaco, hanno deciso di votare per l’approvazione del bilancio. Ma forse chi più di tutti aveva annusato l’aria era proprio Bellora: non può essere un caso se in ben due passaggi lui e il suo vice Proto hanno chiesto al Consiglio comunale un voto di "fiducia". Le tre minoranze Cardanoincomune, Cardano Rinasce e M5S hanno votato compattamente contro.
Impossibile pensare che ora si possa ancora percorrere la "direzione univoca" invocata da Putignano, anzi la crisi è li davanti a tutti. Il Pd si confronterà già venerdì sera in direttivo dove Dozio è pronto a chiedere la fiducia e dare le dimissioni se questa dovesse mancare. Sul piatto probabilmente finirà anche la questione delle recenti dimissioni di Elena Mazzucchelli, iscritta la PD al tempo delle elezioni e della nomina ad assessore. 
Stranamente in tutto questo le opposizioni sembrano ancora ferme a guardare. Anche nella seduta di giovedì avrebbero potuto mettere molto più in difficoltà la maggioranza. Ma quest’ultima, ancora una volta in soli quattro mesi, sembra bravissima a mettersi in difficoltà da sola. 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Ottobre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.