“Piccioni nel sottotetto: ho pulito tutto e chiuso le entrate”

Dopo la denuncia dei vicini sulle scarse condizioni igieniche in un appartamento abbandonato in via Volta, risponde il proprietario dell'edificio

Troppi piccioni a Gazzada

«Ho pulito tutto e chiuso le entrate di quell’appartamento. Non è vero che ci entrano i piccioni». Parole di Antonio D’Alia che risponde così alle accuse dei vicini a Gazzada Schianno, in via Volta, dove all’ultimo piano di una palazzina è stat più volte denunciata la presenza di decine di volatili che vi avrebbero trovato casa. Il problema, secondo quanto denunciato dai vicini, sarebbe diventato di carattere igienico, perché gli escrementi essiccati dei piccioni si volatilizzano nell’aria provocando anche danni respiratori.

Il proprietario è stato raggiunto da un’ordinanza della Polizia Locale dopo un sopralluogo dell’Asl che imponeva anche una bonifica dell’appartamento abbandonato. «Il giorno 21/8/2015 mi è stato notificato dal comune di Gazzada e dal Asl di presenza di piccioni nel sotto tetto del mio appartamento – spiega D’Alia documentando l’accaduto -.  Il giorno 31/8/2015 ho provveduto alla rimozione di uccelli ed escrementi all’interno del sottotetto chiudendo con reti in acciaio. All’interno del appartamento non c’era presenza di escrementi o quant’altro».

«Il giorno a seguire mi è stata bollata dal Comune la dichiarazione dei lavori eseguiti – conclude D’Alia -. Pertanto volevo anche puntualizzare che raramente faccio visita all’abitazione E io non posso impedire ai piccioni di posarsi sulle grondaie di tutti i tetti limitrofi alla mia proprietà».

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 28 ottobre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da barbara_manzatoguastella

    ma per favore! la legge non ammette ignoranza ci sono articoli e regolamenti BEN CHIARI in cui si parla di come muoversi in casi di questo tipo…fare la bonifica significa disinfettare e rimuovere il guano presente nella soffitta non mettere una rete che i piccioni hanno gia sfondato…il guano che cola sul muro della palazzina non è ammissibile quindi controllasse bene il signor d’alia perchè nella casella postale c’è gia un’altra lettera non ritirata dal comune in cui si richiede di fare i lavori a norma dato che quelli non sono stati riconosciuti a norma di legge e non conformi!!!! vergogna!

  2. Scritto da barbara_manzatoguastella

    aggiungo inoltre: la colata di guano che si vede nella foto che parte dal sottotetto parla da sola, non mi pare tanto bonificato. Se si entra nel sottotetto è ancora pieno x 2 palmi di schifezza…e la casa è pure in vendita con tanto di foto su internet , cosa viatata se non viene BONIFICATA ossia chiamata un’impresa che DISINFETTA e CHIUDE, CEMENTA i buchi

Segnala Errore