Rapinatore a 14 anni, arrestato dalla Polizia

Il giovane arrestato faceva parte di un gruppo che ha attorniato e minacciato tre coetanei. Pugni, schiaffi e la minaccia di un taglierino per rubare uno smartphone

bullismo bulli ragazzi violenza

A Busto Arsizio un “branco” di giovanissimi ha aggredito e rapinato alcuni coetanei ma l’intervento della Volante del Commissariato della Polizia di Stato ha interrotto l’azione violenta e portato all’arresto di uno dei malfattori.

Erano le 18,30 di ieri 8 marzo quando la pattuglia, transitando in via Mameli, ha notato un gruppo di ragazzi che sembravano intenti a discutere. Improvvisamente però alcuni di loro hanno iniziato a colpirne altri con una testata e una manata.

All’immediato intervento della Volante è seguita la fuga di una parte dei giovani, sei per l’esattezza, mentre gli altri tre, di età compresa tra i 15 e i 16 anni e residenti in zona, sono rimasti fermi e hanno spiegato agli agenti che i fuggitivi li avevano appena aggrediti, percossi, minacciati con un taglierino puntato alla gola e infine rapinati di un telefono cellulare che era stato materialmente preso da uno dei sei, del quale hanno fornito una descrizione dettagliata.

A quel punto i poliziotti si sono messi all’inseguimento dei responsabili, concentrandosi in particolare su quello descritto; questo è stato avvistato poco dopo ma ha proseguito la fuga lungo i binari della ferrovia. Accerchiato, è stato finalmente bloccato e identificato come un quattordicenne italiano residente a Milano, città dalla quale sembra che provenissero anche i suoi compagni.

Dopo gli iniziali tentativi di negare il proprio coinvolgimento, il minorenne ha finito per cedere e ha mostrato agli agenti il luogo in cui aveva nascosto il cellulare, che è stato ritrovato sul davanzale di una finestra davanti alla quale era passato durante la sua fuga. A terra in via Mameli i poliziotti hanno poi recuperato anche il taglierino usato per minacciare le vittime. Il quattordicenne è stato arrestato in flagrante rapina aggravata e condotto al “Beccaria”. Sono in corso indagini per identificarne i complici.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    La feccia ora si concede trasferte pur di vandalizzare e rubare con violenza.
    Chissà i genitori di questa nuova classe di malfattori in rapida ascesa.
    14 anni già buttati nel gabinetto e un modello familiare che forse sarebbe stato meglio bloccare sul nascere. Qui non ci vogliono i servizi sociali ma i fogli di via.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.