“Sanità a pagamento, è responsabilità del Governo”

Il commento dell'assessore regionale Brianza in merito alle spese per i frontalieri: "Il Governo ha fatto un pasticcio"

Convegno cooperazione transfrontaliera

«Con la circolare del Ministero della Sanità inviata a Regione Lombardia, si mette finalmente la parola fine su un brutto pasticcio creato dal Governo che vessava i nostri lavoratori frontalieri» lo dichiara l’assessore delle Regione Lombardia Francesca Brianza.

«Dopo le numerose sollecitazioni di chiarimento da parte di Regione Lombardia e ridicoli scaricabarile ai quali abbiamo assistito, finalmente il Governo Renzi, ammette le proprie colpe e cancella quell’iniqua tassa richiesta ai lavoratori frontalieri per l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale».

«La circolare del ministero dice chiaramente che Regione Lombardia aveva ragione. Il Governo aveva fatto il danno, il Governo doveva rimediare. Più volte-incalza l’assessore Brianza- la Regione ha sollevato il problema ai signori di Roma ribadendo che i frontalieri  già pagano le tasse in Italia attraverso i ristorni ma, evidentemente, fino a ieri per il Governo Renzi venivano considerati  degli evasori fiscali».

Maria Carla Cebrelli
mariacarla.cebrelli@varesenews.it

Mi piace andare alla ricerca di piccole storie, cercare la bellezza dietro casa, scoprire idee slow in un mondo fast. E naturalmente condividerlo. Se credi che sia un valore, sostienici.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.