Un aperitivo africano per le donne coraggiose di Gulu

Sabato 12 giugno, al Circolo familiare di Sant'Alessandro, cibo africano, prodotti realizzati dalle donne della Cooperativa Wawoto Kacel e truccabimbi

Le donne di Gulu

Un aperitivo, ma non solo, per sostenere un progetto tutto al femminile che parla di riscatto, di dignità e di salvezza.

Galleria fotografica

Le donne di Gulu 4 di 12

Ad organizzare l’evento “Aperitivo Africano“, che si terrà il 12 giugno a Sant’Alessandro, a Castronno, l’associazione Good Samaritan,  che da 19 anni a Gulu, Nord Uganda, ha costituito una cooperativa di donne vulnerabili e in difficoltà (vedove, ammalate di Aids, poliomielitiche, ragazze madri) per poter dar loro la possibilità di riscattarsi e mantenere la propria famiglia con un lavoro dignitoso.

Per la loro cooperativa le donne di Gulu hanno scelto il nome Wawoto Kacel, che in lingua locale significa “camminiamo insieme” e già racconta tanto del progetto. Donne e ragazze hanno iniziato ricamando piccoli motivi a punto croce e ora hanno ben sei settori produttivi e producono bellissimi manufatti artigianali con materie prime locali: semi, perline e tessuti.

“Noi rivendiamo i loro prodotti in modo che i loro salari possano essere coperti e investiamo ogni anno nel progetto – spiega Susanna Tadiello, dell’Associazione – Proprio per sostenere il progetto e  promuovere i prodotti delle donne di Gulu abbiamo pensato di riproporre l’Aperitivo Africano che l’anno scorso ha avuto tantissimo successo”.

Un momento di festa e condivisione all’insegna della solidarietà e della scoperta: “Proponiamo l’assaggio di cibi tipici africani e esponiamo tutti i prodotti della Cooperativa; quest’anno promuoveremo dei prodotti nuovi, realizzati da una designer italiana che è stata a Gulu qualche mese proprio per rinnovare il catalogo prodotti e lavorare con le donne”.

Sostenere questo progetto vuol dire aiutare molte donne vulnerabili a continuare a mantenere la famiglia e gli studi dei loro figli e a riacquistare dignità, proprio attraverso il lavoro: “L’anno scorso sono stati acquistati moltissimi prodotti riuscendo così a pagare il salario delle 80 socie che si impegnano ogni giorno, da circa 19 anni, per realizzare prodotti artigianali con materie prime locali”.

L’appuntamento è dunque per domenica 12 giugno, a partire dalle 18.30 al Circolo Famigliare S.Alessandro in P.zza Cavalier De Molli 3 a Castronno per assaggiare cibi tipici della cucina africana, per passare del tempo insieme e per scoprire la nuova collezione di collane, bracciali, pochette e molto altro, realizzati dalla designer Alice Cappelli e dalle donne di Gulu.

E mentre i genitori assaggeranno riso con fagioli, lenticchie, focaccia di manioca, humus di ceci, cous cous e brinderanno con il Mojito analcolico, per i bambini ci sarà un divertente truccabimbi.

L’ingresso è a offerta libera ma è gradita la conferma per un migliore organizzazione dell’evento, scrivendo a gotogulu@good-samaritan.it o telefonando o mandando un messaggio al 349 5297872.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 maggio 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Le donne di Gulu 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore