Il Varese chiude a Besozzo il programma di amichevoli

Biancorossi sabato contro il Verbano (ore 17) senza Rolando infortunato al ginocchio. Ramella: «Girone A molto difficile»

Raduno Varese calcio

Si completa il programma di amichevoli stilato dal Varese per questo precampionato 2016-17. I biancorossi, reduci dai due successi consecutivi su Renate e Morbio, giocheranno nel pomeriggio di sabato 13 agosto allo stadio “Marvelli” di Besozzo contro i padroni di casa del Verbano.

Un deja-vu per molti dei giocatori a disposizione di Ramella: sul prato della “Bombonera” besozzese infatti iniziò con un netto 0-6 la cavalcata del Varese nella scorsa stagione di Eccellenza. Per l’occasione – si gioca alle 17 – il tecnico biancorosso ruoterà il più possibile gli uomini a propria disposizione.

«Da settimana prossima penseremo con più precisione ai possibili undici titolari per il campionato – spiega l’allenatore del Varese – Fino a qui ho cercato di concedere un minutaggio simile a tutti i ragazzi in modo da dare a ciascuno l’occasione di giocare. E sarà così anche a Besozzo. Poi, da lunedì, tutti concentrati verso i primi impegni ufficiali di Coppa».

Purtroppo però lo staff deve già affrontare un infortunio serio, occorso al nuovo acquisto Mattia Rolando. Il rapido giocatore piemontese si è fatto male al ginocchio, è attualmente “stampellato” e sta attendendo una prognosi più precisa per la sua articolazione. Comunque vada però, dovrà stare fermo per almeno un mese. Altro giocatore che a Besozzo potrebbe non esserci è il centravanti Scapini per un risentimento a un polpaccio, ma le sue condizioni non destano preoccupazioni.

«Arriviamo da due amichevoli vinte – spiega Ernestino Ramella (foto in alto) alla vigilia dell’appuntamento – che mi hanno sicuramente soddisfatto per quanto riguarda il risultato, ma che lasciano margini di miglioramento rispetto al gioco. Dobbiamo soprattutto imparare a restare più compatti; troppo spesso ho visto giocatori troppo lontani tra loro, dovremo stringere di più le maglie».

Interpellato invece sulla composizione dei gironi di Serie D avvenuta ieri (qui sopra la cartina con le avversarie del Varese), Ramella avverte delle difficoltà che ci saranno lungo il cammino. «In genere il girone A è sempre stato ricco di agonismo ma meno tecnico. Quest’anno invece hanno accorpato le piemontesi, alcune con grandi ambizioni, a un gruppo di squadre lombarde che portano tanta qualità e con obiettivi importanti. Insomma, nel girone A hanno creato un equilibrio molto alto e costruito un raggruppamento più competitivo rispetto al B». 

SPECIALE VARESEMercato e amichevoli estive dei biancorossi

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 12 agosto 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore