In tanti per la serata «The Christmas Telethon Show»

Più di 300 spettatori hanno sostenuto il progetto Telethon e la ricerca sulle malattie genetiche partecipando alla serata organizzata all'auditorium

Tempo libero generica

Più di 300 spettatori hanno sostenuto il progetto Telethon e la ricerca sulle malattie genetiche, partecipando alla seconda edizione del «The Christmas Telethon Show», organizzata, dopo il successo dello scorso anno, dalla sezione Avis di Turate. Sul palco dell’auditorium cittadino si sono esibiti artisti di grande talento e di tutto le età e non sono certo mancate le emozioni.

Hanno dato inizio allo spettacolo le campionesse della ginnastica ritmica «La Coccinella» sulle note di «Nessun grado di separazione», canzone ufficiale di Telethon. Ma l’atmosfera natalizia ha trionfato con l’entrata in scena di Babbo Natale che, con l’aiuto della talentuosa Alexandra Cappadonia e dei ballerini hip hop della «Udm Skool», ha trasmesso un messaggio di solidarietà e altruismo, contro il materialismo oggi imperante. Natale significa aiutare gli altri e così ha fatto Avis anche quest’anno, pensando ai troppi bimbi malati. Il presidente Giusy Cozzi, dopo un discorso molto sentito, ha annunciato i presentatori della serata, gli ormai immancabili Davide Bellombra e Paolo Mason, affiancati dalle vallette Alessandra e Stefania Rubiero. Dopo uno speciale selfie con il folto pubblico del teatro, lo spettacolo è ufficialmente iniziato con i «Gospel Confusion Vocal Ensamble» e con il coro parrocchiale «Su Ali d’Aquila», diretto da Bianca Marina Di Luca Cardillo.

«Magic Lese» ha poi stupito i presenti con i suoi trucchi di illusionismo e mentalismo, chiamando come “cavia” qualche spettatore. Un’esplosione di allegria è arrivata sul palco con l’ingresso in scena dei «Ridi per caso», trio comico di Castellanza.
Prima della chiusura del sipario, tra le esibizioni delle «Coccinelle», guidate dalla direttrice tecnica Laura Scavazzini, e dei ballerini coordinati dall’insegnante Marco Martorelli, tutti gli ospiti e i volontari sono saliti sul palco, compresi gli Alpini turatesi che hanno gestito l’area ristoro. «E’ stata una serata davvero speciale, organizzata con impegno, fatica, ma soprattutto con il cuore. Un grazie al Comune che ha patrocinato l’evento, ai numerosi sponsor che ci hanno permesso di coprire le varie spese, a tutti i volontari Avis, che si sono dati da fare in platea, in regia e dietro le quinte e a Claudio Capelli e Roberto Binfarè per le foto e i video. L’amicizia si è trasformata, anche questa volta, in uno spettacolo straordinario», ha commentato il presidente Cozzi, ringraziando per la presenza anche Valentino Sarto, presidente dell’Avis provinciale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore