Un flashmob contro la costruzione della rotonda

L'appuntamento è per domenica 17 dicembre, alle 11 ed è organizzato da Legambiente. Raccolte 900 firme contro il progetto

Generico 2017

Un appuntamento organizzato da Legambiente di Busto Arsizio per domenica mattina, 17 dicembre, alle 11. L’appuntamento è davanti all’ex- calzaturificio di viale Duca d’Aosta, per un festoso flashmob, con tanta energia in campo per dissolvere “la morte rotonda” che vuole tagliare alberi, chiudere controviali e accelerare il traffico e la velocità sul viale della Gloria.

“L’opera viabilistica è al centro di aspre critiche da parte di alcune realtà cittadine come Busto Grande, Legambiente con Andrea Barcucci, Una Vas per Busto. Nei giorni scorsi è stata avviata anche una petizione che ha superato le 900 firme. Alla commissione hanno partecipato anche i tecnici comunali tra i quali il dirigente del settore opere pubbliche Roberto Brugnoni: «La rotonda è sostenibile se abbinata all’installazione degli impianti semaforici intelligenti – ha detto – gli studi viabilistici sono stati effettuati dalla società esterna incaricata di stendere il piano e tiene conto anche della possibilità di un insediamento scolastico nell’ex-Borri».” Questo si legge in Varesenews: convincono la gente che la toppa sia meglio del buco nero della congestione del viale, facendo credere che la rotonda migliori tutto: non qualcosa, ma tutto ! Invece non hanno un piano della mobilità, né un piano di trasporto pubblico. Trattano la gente e i pendolari “come se fossero piccioni” che sporcano e portano malattie. Vogliono tante automobili private, per guadagnare sui parcheggi: ma che città offre un livello così basso di qualità della vita ?
Per questa e altre domande, ci vediamo alle 11 di domenica 17, davanti al Borri. Un diciassette più, in questo anno sfortunatissimo, non ci fa paura.

di adelia.brigo@varesenews.it
Pubblicato il 16 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore