Un pennacchio di fumo esce dalla Holcim: “È condensa”

Alcune segnalazioni su fumo visibile da chilometri di distanza: abbiamo chiesto all’azienda una spiegazione e la risposta che ci è arrivata è la stessa di un anno fa

Comabbio generica

Un pennacchio di fumo visibile da chilometri di distanza, da giorni.

È quello che sale dal cementificio di Comabbio/Ternate, la Holcim: alcuni lettori ce lo hanno segnalato con fotografie che arrivano dall’altra parte del lago di Varese, da Barasso.

Abbiamo chiesto all’azienda una spiegazione e la risposta che ci è arrivata è la seguente, la stessa che ci avevano dato circa un anno fa:

​​In scrupolosa osservanza delle prescrizioni dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, nell’unità produttiva di Comabbio misuriamo in continuo le emissioni a camino con un doppio sistema di controllo.

​Nei mesi invernali​ le condizioni climatiche particolari, con temperature che si mantengono ​prossime ​al​ lo zero anche durante il giorno​,​ impattano ​sulla visibilità del pennacchio​.​

​L​a condensa si forma ​infatti ​alcuni metri dopo l’uscita dal camino, laddove l’umidità ​entra in contatto​ con l’aria fredda. Il colore è variabile in base alla posizione rispetto al sole, alla posizione dell’osservatore e al colore del cielo. Detto questo, le emissioni ​di questi giorni, come sempre accade, rientrano appieno nei limiti autorizzati.

​A questo proposito specifici e accurati monitoraggi vengono operati principalmente nel rispetto dell’ambiente e dei cittadini delle comunità che ci ospitano, nel nostro stesso interesse e in quello dei dipendenti in larga percentuale residenti nei comuni limitrofi, in accordo con la strategia mondiale di LafargeHolcim orientata a creare valore secondo i principi dello sviluppo sostenibile. ​Inoltre, come impianto pilota nel settore cemento in Lombardia, i dati in continuo sono inviati in tempo reale all’Autorità competente attraverso un canale internet protetto e non modificabile.​

All’interno di questa cornice di attenti controlli ribadiamo che il pennacchio è un fenomeno che si verifica nel periodo invernale a parità di caratteristiche chimico-fisiche dei fumi. Si tratta di condensa determinata da:​

• presenza di umidità nei fumi in uscita (circa 14%)
• condizioni climatiche (temperature prossime allo 0°C e umidità dell’aria elevata)

L’azienda è come sempre a disposizione per spiegare nel dettaglio ed illustrare in maniera chiara il processo produttivo e i dati relativi alle emissioni, pubblicamente consultabili.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 febbraio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore