Un Polo multifunzionale per “Il Granello”

La cooperativa ha presentato un progetto davvero ambizioso: un nuovo centro a Saronno nell’area dell’ex asilo Matteotti, fino ad oggi di proprietà della Curia

Generico 2018

La grande famiglia della Cooperativa Sociale Il Granello Don Luigi Monza di Cislago diventa sempre più grande.
Appena terminata la lunga lista di eventi e iniziative che hanno celebrato il trentennale della fondazione, il direttivo del presidente Alessandro Alberti ha tagliato il nastro della nuova struttura di Fagnano Olona per poi presentarsi all’auditorium di Cislago con un progetto ambizioso quanto utile che insieme ai servizi porterà in città la filosofia e gli ideali di sempre. La città è Saronno, il progetto riguarda un Polo Multifunzionale che verrà realizzato nell’area dell’ex asilo Matteotti, fino ad oggi di proprietà della Curia.

“Il progetto di Saronno è importante per ciò che significherà e per quanto ci siamo impegnati a coprire finanziariamente – dice Alessandro Alberti presidente della Cooperativa dal 2003 – il primo passo sarà l’acquisizione dell’area nel prossimo mese di aprile versando circa 600.000€ per poi arrivare alla completa ristrutturazione prevista nel 2019 per un totale di di spesa di 1.450.000€. Una cifra importante, per spazi e servizi aperti ad un territorio che li richiede a gran voce”.

Con il progetto di Saronno, il Granello amplificherà e amplierà servizi e attività che sviluppa da quando è nato, a Cislago nel 1987, con lo scopo di inserire ragazzi con disabilità – fisiche e mentali – in contesti lavorativi.

“Con la nuova apertura a Fagnano e questo bel sogno che si realizza a Saronno – l’intervento del direttore dei servizi educativi Luca Landolfi – la famiglia del Granello apre nuove porte per nuovi amici, utenti, genitori, sostenitori, operatori, facendo crescere di pari passo ogni altra nostra sede che nessuno di noi ha pensato e realizzato per dividerci. Siamo partiti insieme, siamo cresciuti insieme e arriviamo a Saronno insieme. Questo ci permetterà di sviluppare tutto quello che abbiamo creato e sviluppato in ogni paese dove operiamo. Nella nostra casa di Cilsago potremo recuperare spazi per la formazione lavoro che ancora oggi rappresenta un tabù per quelle che sono definite le “fasce fragili”. Inoltre, valore aggiunto del progetto, dal punto di vista educativo il contesto cittadino comporterà un impatto fortissimo perché quella condizione magica che si chiama autonomia potrà trovare il suo compimento vivendo davvero tutto ciò che una città può offrire. Detto questo, ogni struttura del Granello resterà concretamente collegata all’altra per essere una risorsa comune e condivisa”.

Una storia e ideali con radici forti, idee chiare, servizi e risultati apprezzati nel tempo, il progetto del Polo Multifunzionale di Saronno mette alla prova il Granello anche da punto di vista economico ma nemmeno un impegno di tali proporzioni sembra preoccupare il direttivo, determinato nell’affrontare la nuova sfida nel solco tracciato da Don Luigi Monza che amava ripetere “Il bene va fatto bene”.

La forma di finanziamento del progetto è innovativa ed è stata condivisa con Banca Prossima che sarà la garante dell’intera operazione – spiega il consigliere Vittorio Borghi – chiunque potrà donare o prestare denaro alla Cooperativa comunicandoci una intenzione scritta o contattandoci per specifiche condizioni. Nel solo mese di marzo si aprirà una finestra per concretizzare telematicamente le intenzioni, ma anche dopo sarà possibile contribuire contattandoci direttamente pur chiarendo che il Granello non toccherà nemmeno un euro i quanto ogni operazione sarà eventualmente eseguita tramite banca rassicurando tutti in tema di riservatezza dei dati sensibili, oltre naturalmente ai benefici previsti dalle leggi fiscali”.

Un bene fatto bene per far crescere una grande famiglia sempre più grande che anche alla presentazione del progetto Saronno si è presentata in gran numero testimoniando quanto è sentita da genitori e operatori la conclusione della serata da parte di Luca Landolfi.

(nella foto di Pierangelo Landoni il cda del Granello: da sinistra Vittorio Borghi, il presidente Alessandro Alberti, il direttore educativo Luca Landolfi, Luciano Staurenghi, il vice presidente Roberto Turra e Francesco Rotondi)

Info: amministrazione@granello-coop.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 febbraio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore