“Una staffetta dei valori della Resistenza per fermare i rigurgiti fascisti”

Nel giorno in cui i neonazisti di Do.Ra. protestano davanti al tribunale le associazioni partigiane, Gian Pietro Rossi e gli scout lanciano un incontro sugli eroi partigiani

gian pietro rossi liberto losa gianni mainini

C’è assoluto bisogno di memoria e il senatore e sindaco emerito Gian Pietro Rossi, 91 anni tra qualche giorno, ha deciso di ritornare in campo per riaffermare i valori della Resistenza e trasmetterli alle giovani generazioni con una staffetta.

Proprio mentre i militanti neonazisti di Do.Ra. andavano a protestare davanti alla Procura di Busto Arsizio per l’inchiesta sulla ricostituzione del disciolto partito fascista (52 indagati), lui, il presidente del Raggruppamento Divisione Alfredo Di Dio Gianni Mainini e il presidente dell’Anpi di Busto Arsizio Liberto Losa lanciavano l’incontro pubblico del prossimo 13 giugno (h. 21, Villa Tovaglieri) dal titolo “Ricordando il passato, progettiamo il futuro, insieme”, un momento di incontro per sviluppare l’idea di creare unità.

Verranno ricordati gli “eroi”, ex-combattenti partigiani della resistenza dimenticati, si citerà il libro “Ribelli per amore” di Monsignor Valentini, interverrà lo stesso Rossi ricordando le Aquile Randagie e passando il testimone ideale alle nuove generazioni degli scout. Verrà anche letta una lettera che Liliana Segre, senatrice a vita che ha fatto un bellissimo intervento in Parlamento in sede di fiducia al nuovo governo. Saranno citati anche alcuni passaggi del libro “Avanti! Siam ribelli” del comandante Morini.

Proprio Liberto Losa ha voluto dedicare un commento all’iniziativa dei neonazisti varesini: «Questi gesti confermano la nostra idea e cioè che è necessario trasmettere alle nuova generazioni i valori della Resistenza – spiega Losa – noi ci ispiriamo al concetto di Calamandrei il quale diceva che la libertà non è mai una conquista definitiva e che solo l’esercizio della libertà e della memoria possono perpetuarne i valori».

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 09 giugno 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore