Socialmente pericoloso: divieto d’ingresso in Svizzera per un italiano

L'uomo era stato condannato in Italia per associazione per delinquere e per undici truffe ad istituti di credito, ma anche per lesioni gravi ad un automobilista durante un diverbio

Avarie

Il Tribunale federale ha confermato il divieto d’entrata in Svizzera per un cittadino italiano, condannato in Italia nel 2011 a 3 anni e 3 mesi di carcere per i reati di associazione per delinquere e truffa.

La notizia è riportata dal Corriere del Ticino.

Secondo per il Tribunale elvetico l’italiano (la cui moglie – “appartenente ad una famiglia mafiosa” – è proprietaria di un’azienda nei Grigioni e vive in Ticino), rappresenta una minaccia per l’ordine e la sicurezza pubblici.

L’uomo era stato condannato in Italia per associazione per delinquere e per undici truffe commesse ai danni di istituti di credito, ma anche per lesioni gravi ad un automobilista per un diverbio legato a questioni di viabilità.

Per lui espulsione e divieto di entrata in Svizzera fino al 31 gennaio 2020.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore