L’orgoglio di coach Caja: «Le gare diventano facili se le affronti nel modo giusto»

Il commento dell'allenatore della Pallacanestro Varese dopo la vittoria in Fiba Europe Cup

Fiba Europe Cup - Openjobmetis - Rilski

Serata positiva per la Openjobmetis, che batte il Rilski 86-59 ed è a un passo da staccare il biglietto per il prossimo turno di Fiba Europe Cup con due giornate di anticipo rispetto alla fine del girone. Soddisfatto della prestazione dei suoi giocatori coach Attilio Caja, che a fine partita commenta: «La partita di questa sera è la dimostrazione che ne è valsa la pena aver partecipato a questa Coppa. Serve per dare minuti a ragazzi che in campionato hanno meno spazio e in questa gara ho avuto tutte risposte positive. A dimostrazione del valore del girone, volevo ricordare che il Rilski ha perso di 4 punti contro l’Alba e all’ultimo minuto contro il Porto. Le gare diventano facili se le affronti nel modo giusto. Abbiamo fatto un’interpretazione difensiva estremamente buona contro giocatori di valore e in attacco abbiamo trovato soluzioni da diversi giocatori».

«Deve essere un buon viatico – prosegue Caja pensando al prossimo impegno – per la gara di domenica, che sarà una partita difficile. Cercheremo di fare sudare Avellino, non facendogli conquistare una vittoria facile. Verri e Gatto sono stati bravi e se lo meritano; fanno le cose che servono alla squadra, si sacrificano in allenamento e sono un fattore positivo anche dalla panchina dando energia positiva. Sono molto contento che la società abbia pensato a loro per completare la rosa. Moore speravo di averlo già stasera, per domenica vedremo».

Eliminato invece il Rilski, ancora fermo a zero punti nella classifica del girone. L’allenatore dei bulgari Ludmil Hadjisotirov dà i meriti ai vincitori: «Congratulazioni a Varese, è una buona squadra e secondo me la più forte nel nostro gruppo. Ci siamo preparati bene per questa gara, ma abbiamo avuto qualche problema di infortuni e questo non ci ha aiutato. Varese ha avuto ottime medie da tre punti e nello stesso tempo grande impatto nel pitturato. Credo che giocare in Europa è sempre una buona cosa. In questa competizione ci sono squadre forte e preparate: il livello è alto».

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 07 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore