I proff. Dentali e Ageno invitati a un convegno in Senato

I due professori dell'Insubria invitati dal Presidente della XII Commissione Igiene e Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri

monoblocco ingresso

Due Professori di Medicina Interna del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università dell’Insubria di Varese, Walter Ageno e Francesco Dentali, sono stati invitati a parlare a  un convegno organizzato dal Senato della Repubblica.

Entrambi gli specialisti sono in servizio nell‘ASST dei Sette Laghi, il primo all’Ospedale di Circolo come Responsabile della Struttura di Degenza Breve Internistica, il secondo a Luino come Direttore della Medicina generale e l’invito è legato al ruolo che ricoprono: Presidente della Società italiana per lo studio dell’Emostasi e della Trombosi (SISET) e di Direttore del Dipartimento di Ricerca della Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti (FADOI). 

L’incontro, promosso dal Presidente della XII Commissione Igiene e Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri, desidera mettere a fuoco la correlazione rischiosa ed ancora poco conosciuta tra il cancro e la trombosi, patologia, quest’ultima, di cui i due medici dell’Università dell’Insubria sono studiosi ed esperti accreditati a livello internazionale.

La tavola rotonda a Roma del prossimo 20 novembre servirà proprio a sensibilizzare i pazienti, i medici, le società scientifiche e l’opinione pubblica sul rapporto tra le neoplasie ed i problemi cardiovascolari, aspetto questo, ad oggi, sottovalutato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore