Quattro mosse per rendere più serene le vacanze con i bambini

Organizzazione, routine, eccezioni ed oggetti: come ricaricare le pile di genitori e figli durante i giorni di vacanza, in casa o in viaggio

Generico 2018

Le lunghe vacanze invernali possono aiutare grandi e piccini a ricaricare le pile: ecco quattro consigli da seguire negli ultimi giorni di ferie, per evitare che il ritorno alla normalità sia tanto stressante da cancellare i benefici conquistati.

SÌ ALL’ECCEZIONE, PURCHÈ SIA TALE
Le routine rassicurano e quindi contribuiscono alla serenità dei bambini, ma rispettarle in vacanza è più difficile. Soprattutto quando si trascorrono dei giorni lontani da casa. L’importante è contestualizzare bene l’evento straordinario, ricordando ai figli che a casa, o comunque quando si torna a scuola, le regole tornano tutte a pieno regime.
Soprattutto per i più piccini, è bene cercare di rispettare gli orari dei pasti o del sonno o, quanto meno, riportarli gradualmente alla normalità negli ultimi giorni prima della riapertura delle scuole.

DIVERTIMENTO E RELAX PER TUTTI
I genitori non devono immolarsi sull’altare del divertimento dei figli. Perché la vacanza funzioni serve che ci sia un equilibrio tra le attività familiari più gradite ai piccoli e quelle che piacciono agli adulti o ai fratelli più grandi (se la differenza di età è significativa). Anche separarsi per alcuni svaghi può essere una valida soluzione.
Importantissimo per tutti è rallentare: una necessità sempre più avvertita nella realtà quotidiana di grandi e piccini, da non sottovalutare nemmeno in vacanza. Che le ferie si passino a casa o altrove, è bene non farsi prendere dalla frenesia del fare o vedere più cose. Le vacanze sono ben sfruttate anche quando ci si riposa o ci si rilassa tutti assieme, con una lunga merenda, un gioco da tavola, delle chiacchiere sul divano.

ORGANIZZARSI
Quando si viaggia in famiglia improvvisare può essere stressante, comportare ritardi, piccoli conflitti o situazioni spiacevoli difficili da gestire. Meglio organizzarsi per tempo, soprattutto per quanto riguarda i pasti e i pernottamenti: i punti in cui la straordinaria capacità di adattarsi dei bambini risulta più fragile.

L’OGGETTO DA CASA
Tra le routine da mantenere, soprattutto per i più piccoli, c’è quella dell’addormentamento. Sia nella sequenza di gesti che si ripetono sempre uguali (prima si lavano i denti, poi si mette il pigiamino…), sia negli oggetti che accompagnano questo rituale, come il libro da leggere o il peluches preferito. Sono oggetti da portare in vacanza per mantenere il contatto quotidiano con il contesto conosciuto. Mentre al rientro dal viaggio, per conservare il ricordo e il beneficio della gita, può essere utile stampare qualche foto per creare un album che racconti quell’esperienza, da sfogliare tutti insieme.

di
Pubblicato il 02 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore