Da Barcellona al Gagarin, passando per Vedano Olona

Domenica 14 aprile alle 21 nel locale di via Galvani arrivano gli Ànteros, band catalana. Il bassista è "made in Varese", Mauro Barbazza, da 12 anni a Barcellona

Generico 2018

Da Barcellona al Gagarin di Busto Arsizio la strada è lunga, ma le vie della musica sono infinite.

Così, grazie alla passione e alla continua ricerca di Francesco Tosi, uno dei soci fondatori del circolo di via Galvani, domenica 14 aprile arrivano in terra bustocca gli “Ànteros”, band catalana nata nel 2015 a Barcellona.

Non è un gruppo “normale”, se non altro perchè uno dei membri è un varesotto doc, per la precisione di Vedano Olona. Mauro Barbazza infatti è il bassista della band: «Il nome è quello del dio dell’amore corrisposto, che si vendicava di chi non faceva caso alle frecce lanciate da suo fratello, Eros – spiega Mauro, classe 1984, da 12 anni in Catalunya -. Il nostro genere musicale? È una cosa che odiamo definire…siamo incastrati fra il post-hardcore, il post-rock e lo screamo. A noi piace definirci come un gruppo di RAWK – storpiando “rock” – che suona a volumi ignoranti, con 3 chitarre impazzite e una base ritmica di basso più batteria ultra solida».

«Dopo una demo registrata in fretta e furia nel 2016 abbiamo fatto uscire un disco nel novembre del 2017, “Cuerpos Celestes”, che ci ha portati in ogni angolo della Spagna e una decina di date in giro per l’Europa – prosegue Barbazza -, oltre a poter suonare in festival di fama mondiale come il Resurrection Festival l’estate scorsa e il Download Madrid del prossimo giugno, dove siamo in mezzo a nomi che fan tremare le gambe come Tool, Slipknot, Scorpions, Stone Temple Pilots, Red Fang. Non possiamo proprio lamentarci di come sta andando».

QUI UN ASSAGGIO DELLA MUSICA DEGLI ÀNTEROS

«La data del Gagarin per me è ovviamente la più sentita del tour e forse la più sentita da quando esistiamo, e ne abbiamo avute un bel pò “intense”. Poter suonare così vicino da casa e (speriamo!) davanti a tante facce conosciute e amate, sarà speciale, davvero – continua il bassista vedanese/catalano -. Grazie mille a Francesco Tosi e al Gagarin per questa opportunità. Io vivo a Barcellona da quasi 12 anni ormai, sono partito per 4 mesi di stage, poi la faccenda si è allargata fino a tempo indeterminato. Dopo 8 anni nel mondo della comunicazione e marketing online, con discreto successo, a fine 2015 ho deciso di mollare tutto per giocarmela nel circo chiamato “musica”, co-gestendo un’etichetta discografica (Aloud Music), organizzando un festival (l’AMFest, a ottobre, che poco a poco abbiamo portato alla degna cifra di 4.000 persone in 3 giorni), suonando in un gruppo, portandone in giro altri col furgone per tutta Europa, provando ad esserne il manager e lavorando in festival altrui in produzione tecnica o logistica degli artisti. In sostanza, tanto fumo, poco arrosto, ma la certezza di essere nel posto dove volevo essere sin da quando la carta d’identità diceva “via Chiesa, Vedano Olona, Varese».

Appuntamento al Circolo Gagarin (via Galvani 2bis – Busto Arsizio), domenica 14 aprile, ingresso a sottoscrizione 5 euro, riservato ai soci ARCI, inizio ore 21. QUI L’EVENTO SU FACEBOOK

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore