Attentati simultanei in Sri Lanka, colpite chiese e alberghi

Sei esplosioni in luoghi sacri e hotel (tra i quali lo Sjangri-La e il Kingsbury Hotel a Colombo), frequentati anche da turisti stranieri: ancora da precisare il numero dei morti, centinaia i feriti

Sri lanka

Pasqua tragica nello Sri Lanka dove almeno sei esplosioni simultanee, avvenute poco prima delle 9 del mattino, ora locale, hanno colpito tre chiese che in quel momento erano affollate per le messe e tre hotel, frequentati anche da turisti stranieri. Le esplosioni — almeno due di esse sarebbero state causate da attentatori suicidi — sono state registrate a Colombo, nella città orientale di Batticaloa e a Negombo, città a maggioranza cattolica a nord della capitale. Il bilancio, provvisorio ma già pesantissimo e destinato con ogni probabilità ad aggravarsi, è di almeno 129 morti e 400 feriti, secondo quanto riportato dall’agenzia Reuters che cita fonti ospedaliere e di polizia.
Al momento non ci sono state rivendicazioni. Il Paese, per decenni, è stato martoriato da una guerra civile, combattuta con i separatisti Tamil, terminata nel 2009.

La notizia del Corriere della Sera

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore