La pioggia sfavorisce Rovera e compagni, noni a Misano Adriatico

La Mercedes del varesino, scattata dalla pole position, ha faticato nella seconda prova del CIGT Endurance ma ha strappato un posto nella Top10. Fuori subito Magnoni in GT4

alessio rovera mercedes cigt automobilismo

In una Misano Adriatico in versione praticamente invernale, Alessio Rovera non è riuscito a lasciare il segno in gara nella seconda prova del Campionato Italiano Gran Turismo (CIGT) in versione Endurance, terza in assoluto. Il pilota varesino, impegnato come nelle occasioni precedenti sulla Mercedes-Amg GT3 dell’Antonelli Motorsport, ha chiuso infatti al nono posto assoluto e quinto di categoria Pro-Am.

Un passo indietro, quello della vettura numero 22, rispetto alle prove ufficiali nelle quali proprio Rovera aveva fatto segnare il miglior tempo e la conseguente pole position. Nella giornata di domenica il meteo estremamente variabile e la pista bagnata hanno reso imprevedibile la “3 Ore” di Misano: la Mercedes di Alessio, in equipaggio con Riccardo Agostini e Alexander Moiseev, ha perso subito le posizioni di testa ed è stata costretta a lottare nella “pancia” dello schieramento. Il sussulto finale ha permesso ad Agostini di rientrare nella top ten e conquistare punti anche per la classifica endurance assoluta.

«Abbiamo confermato di aver trovato ancora un po’ di competitività in più, non solo per la pole position. Il lavoro paga e va verso la giusta direzione ma purtroppo la pioggia ha pesantemente condizionato la gara e abbiamo raccolto meno di quanto sperato. Noi ci siamo e tutta la squadra ha lavorato benissimo, anche nei pit-stop» ha detto Rovera al termine della “3 Ore” di Misano. «Ora ci attende una trasferta non facile nel GT Open e per me sarà l’esordio assoluto a Hockenheim: pariamo fiduciosi e sono sicuro che il team farà tesoro dell’esperienza del Paul Ricard soprattutto per quanto riguarda la gestione delle gomme».

Giornata negativa invece per l’altro varesino al via, Luca Magnoni, affiancato dal norvegese Schjerpen sulla Ginetta G55 del team Nova Race. Terzo in prova nella categoria GT4, l’equipaggio della vettura numero 208 è stata costretta al ritiro dopo appena quattro tornate, togliendo così alla classe d’ingresso del CIGT una delle grandi protagoniste.

La gara di Misano è stata vinta dalla Lamborghini Huracan di Postiglione, Mul e Frassineti (Imperiale Racing) davanti all’Audi R8 ufficiale affidata al belga Weerts e al francese Nato; podio completato dall’altra Lambo della Sospiri Racing del cinese Kang e del finlandese Tujula, primi di Pro-Am. In GT4 vittoria invece per la Porsche Cayman della Ebimotors con l’equipaggio Gnemmi – Neri – Pera.

Nella classifica generale del CIGT Endurance comandano proprio Frassineti, Mul e Postiglione con 25 punti contro i 21 di Comandini, Johansson e Krohn e i 20 di Mancinelli, Cioci e Veglia. Rovera, con Moiseev e Agostini, sono noni con 8 punti. In GT4 Magnoni e Schjerpen hanno perso la vetta della graduatoria e ora (con 20 punti) sono alle spalle di Ghezzi, Fascicolo, Chiesa, Guerra, Fontana (27) e Ruberti (22). Nel fine settimana del 21-23 giugno il tricolore GT tornerà nella versione “Sprint” (con 2 gare “brevi” nel weekend) sul circuito di Imola.

 

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 21 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore