Bollette dell’acqua, ecco le date da tenere d’occhio

Tra luglio e agosto arriveranno le bollette per una quindicina dei 52 comuni serviti da Alfa. Ecco le date, il periodo di fatturazione e le scadenze

Generico 2018

Gli ultimi due casi sono stati quelli di Angera e Samarate. Due Comuni – tra i cinquantadue serviti da Alfa srl – dove le bollette arrivate a casa hanno innescato polemiche accese e suscitato grandi preoccupazioni.

A quattro anni dalla creazione, la società sta ancora lavorando con pochi mezzi e non si è ancora arrivati a un vero standard operativo.

Per questo abbiamo chiesto ad Alfa non solo un chiarimento sulle difficoltà (qui), ma anche un “calendario” che consenta ai cittadini del Varesotto di orientarsi, di sapere quando più o meno arriveranno le bollette e quali saranno le scadenze.

E allora: il primo Comune che vedrà arrivare le lettere sarà Busto Arsizio: le letture non si facevano da marzo 2018, sono state fatte tra marzo e maggio, le bollette dovrebbero arrivare «nei prossimi giorni, ai primi di luglio» e la scadenza è fissata per il 5 agosto (salvo possibilità di rateizzazione). A Busto è presente uno sportello fisso di Alfa.

Toccherà poi ai Comuni di Comabbio, Crosio della Valle, Ispra, Arsago Seprio, Mornago: qui l’ultima lettura dei contatori risale addirittura al 2017 (tra agosto e dicembre). Le nuove letture dei contatori sono state fatte tra aprile e maggio e le bollette si dovranno pagare entro il 15 settembre 2019, sempre salvo rateizzazione.

A fine settembre 2019 scadranno invece le bollette per i cittadini di Golasecca, Solbiate Arno, Vizzola Ticino, Casale Litta, Venegono Superiore, Albizzate, Besozzo, Ranco e Castiglione Olona.
Anche in questo caso l’ultima lettura risale a fine 2017 e dunque questa è la prima lettura nell’arco di un anno e mezzo (i dati sono stati rilevati tra maggio e giugno, tranne nel caso di Besozzo, dove la lettura è stata fatta a gennaio 2019).

Come funziona la lettura per bollette acqua Alfa srl

La tariffe acqua, fognatura e depurazione dipendono dai metri cubi di acqua che l’utente ha consumato nel periodo calcolato in bolletta.
I consumi presi in considerazione possono essere effettivi, se nel periodo è stata fatta una lettura del contatore, o stimati, se tale lettura non è stata effettuata. In molti casi sono calcolati i consumi effettivi fino ad una certa data, e presunti dal giorno successivo alla lettura fino alla fine del periodo.
Ai metri cubi di consumo, effettivi e/o stimati, sono applicate le tariffe di acquedotto, fognatura e depurazione.
Per il servizio acquedotto la tariffa è articolata in diverse fasce, più costose man mano che i consumi si alzano perché si intende scoraggiare gli sprechi d’acqua.
Gli scaglioni di tariffa da applicare all’acqua consumata si calcolano in rapporto ai giorni del periodo fatturato dividendo il consumo di ogni fascia per 365 giorni e moltiplicando il risultato per il numero di giorni fatturati e per il numero di concessioni (numero unità abitative).
Tale modalità di calcolo viene denominato pro-die.
La bolletta viene suddivisa per ogni componente tariffaria (acqua, fognatura, depurazione, oneri vari) ed alla fine di ogni componente , nelle bollette a lettura, vengono detratti gli acconti precedentemente fatturati.
A differenza della tariffa di acquedotto le tariffe di fognatura e depurazione vengono applicate in maniera costante a tutti i mc. di acqua consumata.
Le tariffe applicate sono pubblicate in questa pagina del sito di Alfa srl.

di
Pubblicato il 26 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore